rotate-mobile
Attualità

Uno studio sulle patologie cardiache grazia a 130mila tracciati elettrocardiografici dei modenesi

L’analisi dei parametri raccolti nell’arco degli ultimi quindici anni con l’obiettivo di potenziare la diagnostica e il processo di refertazione. Fondamentale la collaborazione di Unimore e dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria

È stato pubblicato nei giorni scorsi sul Journal of Clinical Medicine uno studio che ha dimostrato come alcuni parametri elettrocardiografici si modifichino con l’età, in alcuni casi seguendo precise correlazioni lineari; sono stati inoltre determinati dei valori di riferimento in grado di identificare precocemente la presenza di una patologia cardiaca. Il progetto è stato promosso e condotto nell’ambito del Dipartimento Cure Primarie dell’Azienda USL di Modena. Si è avvalso inoltre della importante collaborazione dei Dipartimenti di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche e di Scienze e Metodi dell'Ingegneria dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia e della partecipazione dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena. 

Una compartecipazione tra soggetti diversi, nell’ottica della multidisciplinarietà, che è un valore aggiunto della ricerca, ed è ben rappresentata nei nomi degli altri autori dello studio, Cecilia Vernia e Claudio Giberti, professori ordinari di Fisica Matematica di Unimore, Enrico Tincani, medico internista di AOU, Federico Silipo, del Dipartimento interaziendale di Ingegneria clinica e Andrea Fabbo, direttore Struttura complessa di Geriatria-Disturbi Cognitivi e Demenze Ausl, da sempre attenta allo studio dei fattori legati all'età e dei determinanti di salute nella popolazione geriatrica.

Le malattie cardiovascolari rappresentano uno dei più rilevanti problemi di salute nel mondo occidentale e sono tra le principali cause di morte nel nostro paese. Oltre a ciò sono tra le principali cause di morbosità e invalidità. Esse hanno dunque un pesante impatto sull’aspettativa di vita delle persone, sulla qualità di vita degli ammalati e sull’organizzazione sanitaria sia in chiave di prevenzione che di assistenza. La ricerca – ideata e coordinata dal dottor Paolo Giovanardi, cardiologo dell’Azienda USL di Modena e che opera anche nella cardiologia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria – è una delle più complete in materia nella letteratura internazionale ed è stata in grado di definire dei precisi valori di riferimento correlabili alla età ed al sesso applicabili nella pratica clinica.

Lo studio

Il lavoro ha ricompreso oltre 130mila tracciati elettrocardiografici eseguiti nel corso degli ultimi 15 anni presso le strutture sanitarie pubbliche modenesi ed archiviati in formato digitale ottenendo un campione pari a quasi il 20% della popolazione residente nella nostra provincia. In maniera anonima, sono state processate attraverso complesse analisi statistiche quasi 1,6 milioni di informazioni numeriche di soggetti di età compresa fra i 15 ed i 90 anni.

“Siamo molto orgogliosi di questo studio interdisciplinare sia per i risultati che per la collaborazione ed integrazione che si è creata, nessuno di noi da solo sarebbe riuscito a realizzarlo - afferma il cardiologo Paolo Giovanardi –. L’elettrocardiogramma è un semplice esame ancora fondamentale nella pratica clinica, la cui potenzialità diagnostica è spesso sottovalutata. Quello appena pubblicato vorrebbe essere il primo di una serie di lavori che si propongono di migliorare il processo di refertazione e digitalizzazione dell'elettrocardiogramma nella nostra provincia. In questo periodo di innovazione tecnologica vorremo anche elaborare algoritmi matematici per la refertazione e riuscire ad utilizzare l'intelligenza artificiale al fine di incrementare ulteriormente le potenzialità diagnostiche e prognostiche dell’esame”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uno studio sulle patologie cardiache grazia a 130mila tracciati elettrocardiografici dei modenesi

ModenaToday è in caricamento