rotate-mobile
Attualità

Successo internazionale per la Chirurgia robotica del fegato di Modena

La Chirurgia dei Trapianti dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena, diretta dal prof. Fabrizio Di Benedetto nuovamente protagonista nel contesto del Congresso annuale della Società Internazionale del Trapianto di Fegato (ILTS) che si è svolto dal 4 al 7 Maggio a Istanbul

La Chirurgia dei Trapianti dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena, diretta dal prof. Fabrizio Di Benedetto nuovamente protagonista nel contesto del Congresso annuale della Società Internazionale del Trapianto di Fegato (ILTS) che si è svolto dal 4 al 7 Maggio a Istanbul.

Si tratta di un evento di grande importanza, per il prestigio della società scientifica e per il ritorno ad eventi scientifici internazionali in presenza dopo lo stop causato dalla pandemia mondiale, consentendo il confronto e lo scambio tra le principali realtà chirurgiche mondiali. Il reparto di Chirurgia Oncologica, Epatobiliopancreatica e dei Trapianti di Fegato dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena ha prodotto numerosi lavori scientifici presentati al congresso. In particolare, il prof Fabrizio Di Benedetto – Ordinario di Chirurgia Generale di UniMoRe e Direttore della Chirurgia Oncologica Epatobiliopancreatica e Trapianti di Fegato dell’AOU - è stato invitato in qualità di esperto a tenere una relazione sul tema dell’approccio chirurgico mini-invasivo robotico per il trattamento di complessi tumori delle vie biliari del fegato.

Inoltre il Dott. Paolo Magistri, ricercatore di UniMoRe e chirurgo dell’unità diretta dal Prof Di Benedetto, è stato premiato con lo “Young Investigator Award”, importante riconoscimento scientifico dedicato ai giovani ricercatori under 40. Il lavoro premiato è stato proprio quello del confronto tra tecnica tradizionale e robotica negli interventi chirurgici per tumori del fegato in pazienti inizialmente non operabili. Il titolo del lavoro premiato è “Robotic vs open associating liver partition and portal vein ligation for staged hepatectomy (ALPPS)”.

Siamo molto orgogliosi del risultato ottenuto” – ha spiegato il prof. Di Benedetto – “si tratta di un premio importante che sancisce ulteriormente la bontà degli sforzi profusi dal nostro centro”. L’esperienza presentata dal Prof. Di Benedetto e dal Dott. Magistri si basa su tecniche innovative in chirurgia robotica del fegato, e sono il frutto di un’esperienza complessiva di oltre 1000 resezioni epatiche presso l’AOU di Modena e circa 300 interventi chirurgici robotici per malattie del fegato. “Grazie al programma robotico attivo ormai da 7 anni grazie al supporto della Regione Emilia-Romagna, oggi l’AOU di Modena può offrire ai pazienti che vi accedono i trattamenti più innovativi al mondo, in grado di portare al trattamento chirurgico radicale pazienti inizialmente non operabili a causa dell’estensione dalla malattia. Con il nostro studio abbiamo dimostrato che l’approccio robotico consente di ridurre il rischio di complicanze e di mortalità in questi casi estremamente delicati, e di migliorare la ripresa post-operatoria riducendo la degenza totale in ospedale ed in terapia intensiva” ha poi concluso il prof. Di Benedetto.

Abbiamo sempre creduto ed investito nell’ambito della chirurgia robotica e nella medicina di precisione per il miglioramento delle cure dei nostri pazienti” – ha commentato il Direttore Generale dell’AOU dott. Claudio Vagnini – “Dotando lo stabilimento del policlinico della piattaforma robotica abbiamo voluto far sì che il profilo delle cure si mantenesse ai vertici e che i giovani medici potessero accedere ad una formazione al passo con i tempi. Il riconoscimento internazionale di questo progetto ci inorgoglisce e ci spinge a perseguire i nostri obiettivi di continua crescita, per offrire all’utenza i trattamenti più moderni”.

È molto importante che il lavoro dei giovani ricercatori del nostro Ateneo sia riconosciuto e premiato a livello internazionale. Produrre evidenze scientifiche a supporto   del miglioramento dei trattamenti e  delle cure è fondamentale  per la ricerca clinica. Inoltre l’internazionalizzazione è un processo molto importante per il prestigio dell’Ateneo, e sempre più medici in formazione e fellow internazionali giungono a Modena per apprendere le più moderne tecniche chirurgiche, i più recenti da Brasile, Singapore e Turchia, a testimonianza del grande lavoro svolto dalla nostra Università nel rendersi competitiva a livello sovranazionale” – il commento del Magnifico Rettore di UniMoRe prof. Carlo Adolfo Porro.

Ad oggi l’esperienza del Policlinico di Modena sulla chirurgia del fegato, vie biliari e pancreas con approccio robotico conta oltre 370 interventi, raggiungendo così oltre il 60% di interventi eseguiti con tencologia mini-invasiva robotica. Questi standard, ai vertici internazionali, rendono il Policlinico meta di studio per numerosi specialisti e medici in formazione che qui vengono ad apprendere l’uso delle nuove tecnologie nella cura dei tumori del fegato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Successo internazionale per la Chirurgia robotica del fegato di Modena

ModenaToday è in caricamento