menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spaccio e bullismo a scuola (e sui social), si intensificano i controlli di polizia

Vertice in Prefettura tra forze dell'ordine e dirigenti scolastici. Si costituisce anche un tavolo di confronto sui fenomeni della devianza giovanile, che coinvolgerà anche genitori e rappresentanti degli studenti

Si è svolta l'altro ieri in Prefettura a Modena una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica che per l'occasione è stata allargata alla partecipazione delle Istituzioni scolastiche, dei vertici dell’Azienda USL e alle Associazioni dei genitori. Sul tavolo i temi delicati e non certo da sottovalutare - anche alla luce della cronaca locale - quali quelli dello spaccio di stupefacenti tra le mura scolastiche e dei fenomeni del bullismo e del cyberbullismo.

Nel corso della riunione è stata condivisa la necessità di intensificare le iniziative di prevenzione e contrasto con un’azione a tutto campo, che già da molti anni vedi impegnate le forze dell'ordine da un lato nelle conferenze divulgative e dall'altro nelle perquisizioni con le unità cinofile davanti e dentro le scuole di tutta la provincia.

A tale scopo, la Prefettura ha annunciato che saranno implementati, d’intesa con le Autorità scolastiche ed in raccordo con i soggetti interessati, i servizi delle Forze di polizia, con la collaborazione delle Polizie locali, per contrastare i fenomeni più diffusi nelle aree maggiormente a rischio, tra cui quelle nei pressi delle scuole e nei luoghi di aggregazione. Saranno rafforzati anchei percorsi formativi di sensibilizzazione nei confronti degli studenti.

Per monitorare gli esiti delle attività poste in essere è stato istituito presso la Prefettura un tavolo di lavoro con tutte le Istituzioni interessate, al quale potranno partecipare anche le Associazioni dei genitori e degli studenti.

Al termine della riunione il Prefetto ha sottolineato "la particolare importanza che nell’ambito dei fenomeni di devianza giovanile assume la prevenzione, che deve mirare ad un’attenta e profonda educazione alla legalità".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Contagi, 98 casi nel modenese. Sei ricoveri e due decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento