“Tre Step”, il progetto per aumentare il benessere delle persone con disabilità

Poter comunicare meglio il proprio sé, le proprie emozioni e i propri bisogni, con questa idea nasce il progetto Tre Step dell’Associazione Futuro e l’Istituto Charitas

L’Associazione Futuro e l’Istituto Charitas insieme per dare la possibilità a persone in stato di disabilità grave di poter ‘comunicare’ meglio il proprio sé, le proprie emozioni e i propri bisogni, al fine di aumentare il loro benessere, quello della loro famiglia e della comunità intera.

Questo l’obiettivo del progetto chiamato TRE STEP che vuole inserire a pieno regime la ‘Comunicazione Aumentativa e Alternativa’ per gli ospiti dell’Istituto Charitas. Almeno 8 persone su 10 residenti non sono in grado di utilizzare, o utilizzano in modo ridotto, il linguaggio verbale.

I destinatari dell’intervento sono inizialmente 50 ospiti dell’Istituto Charitas, che fungeranno da gruppo sperimentale della ricerca, al fine di implementare tutte le attività anche per i restanti degenti dell’Istituto, che in totale ospita 94 persone con disabilità, delle quali 74 in residenza e 20 in semiresidenza.

“La Comunicazione Aumentativa e Alternativa (Caa)sottolinea il presidente del Charitas, Mauro Rebecchi - rappresenta un’area della pratica clinica che cerca di compensare la disabilità temporanea o permanente di persone con bisogni comunicativi complessi. Utilizza tutte le competenze comunicative della persona, includendo le vocalizzazioni o il linguaggio verbale esistente, i gesti, i segni, la comunicazione con ausili e la tecnologia avanzata”.

“Come Associazione Futuro abbiamo accettato molto volentieri di sostenere e finanziare questo progettopuntualizza Pier Luigi Bancale, presidente dell’associazione –. Il progetto si propone di dare la possibilità a persone in stato di disabilità grave o gravissima di poter ‘comunicare’ meglio il proprio sé, le proprie emozioni e i propri bisogni, con il fine ultimo di aumentare il loro benessere e quello della loro famiglia e della comunità intera. L’Associazione Futuro – conclude Bancale – ha tra i suoi scopi proprio quello di offrire un supporto concreto ai soggetti svantaggiati per condizioni fisiche, psichiche, economiche, sociali, familiari o di qualsiasi altro genere. La collaborazione con il Charitas è dunque per noi molto preziosa”.

Non si tratta solamente di utilizzare una tecnica riabilitativa, ma di costruire un sistema flessibile su misura per ogni persona, da promuovere in tutti i momenti e luoghi della vita poiché la comunicazione è per ognuno di noi necessaria e indispensabile, non solo nella stanza di terapia.

Le attività previste divise in 3 step

“Il primo step è la ricercariprende Rebecchi -, la costruzione di un modello di lavoro di Comunicazione Aumentativa e Alternativa mediante la valutazione, il training e la disseminazione di informazioni adeguate nel contesto del gruppo di appartenenza di 5 ospiti. Il secondo passo è quello della survey, ovvero dell’indagine, sulle abilità comunicative degli ospiti e ha a che vedere con la diffusione della conoscenza tecnica nel personale. Infine l’ultimo step, il terzo, con l’attivazione di un centro di consulenza rivolto all’esterno.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna in zona gialla da domenica: Bonaccini: "No al coprifuoco natalizio"

  • Dpcm Natale 2020, approvato il decreto che vieta gli spostamenti tra regioni e comuni

  • Coronavirus. In regione il 13,8% dei tamponi è positivo. Modena resta la peggiore per nuovi contagi

  • Covid a Modena: scendono rispetto a ieri i nuovi casi. Ancora 11 i decessi

  • Prodotti "non essenziali" accessibili ai clienti, multe per due ipermercati

  • Conferma dal Ministero, l'Emilia-Romagna torna in "zona gialla"

Torna su
ModenaToday è in caricamento