Corsi online per operatori socio-assistenziali: "Business discutibile e ambiguo"

Federconsumatori alle prese con le difficoltà di diverse donne che hanno frequentato un corso online per poi scoprire di non avere in mano nulla di concreto e spendibile nel mondo del lavoro

Nelle ultime settimane sono diverse le persone che si sono rivolte agli Sportelli della Federconsumatori di Modena dopo aver verificato l'inutilità pratica di alcuni corsi di formazione per operatore socio assistenziale o assistente agli anziani, tenuti da centri di formazione privati, spesso con modalità on line. Spesso si tratta di disoccupati, sono tutte donne, in prevalenza straniere, rimaste "intrappolate" in un corso per dal quale avevano tratto false aspettative.

C'è il caso di Rosaria - ma le storie sono tutte molto simili - una disoccupata che ha pagato ratealmente 2500 euro per un corso on line; poco prima di dare un “esame”, sempre online, ha scoperto che era compito suo ricercare il soggetto che l'avrebbe ospitata per  il tirocinio previsto nel contratto. Ha quindi trascorso alcune settimane in giro per le strutture che ospitano anziani nella provincia di Modena, apprendendo che il titolo che stava per conseguire non era spendibile nemmeno per un tirocinio. 

Federconsumatori di Modena raccomanda la massima attenzione prima di procedere all’iscrizione a questi corsi, che non rilasciano in nessun modo l’attestato e la qualifica di Operatore Socio Sanitario, come a volte si lascia ambiguamente intendere. Non si tratta solo di una “truffa delle etichette”, poiché per poter accedere a posti di lavoro presso strutture pubbliche è indispensabile essere in possesso del titolo di Operatore Socio Sanitario; un titolo che viene rilasciato al termine di un corso, sempre a pagamento, ma tenuto da Enti che hanno ottenuto l’accreditamento presso la Regione e che prevedono un percorso di formazione dalla durata di 900 ore, di cui 300 ore vengono svolte come tirocinio in ambito sanitario.

Non solo: le qualifiche ottenute con i corsi per assistente socio assistenziale rendono difficile accedere anche alle strutture private che si occupano della cura degli anziani, poiché queste ultime sono tenute ad assumere in una percentuale elevata personale con qualifica di operatore socio sanitario. 

Federconsumatori Modena spiega: "E' necessaria tanta attenzione, ed è indispensabile rivolgersi per informazioni a soggetti competenti; non ci si può fidare di cose dette, solitamente a voce, da soggetti interessati soltanto a far crescere un business discutibile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra "ribelle" GimFIVE di Modena Est riapre oggi. Arriva la polizia

  • #IoApro, si allarga anche a Modena la protesta dei commercianti per riaprire tutto il 15 gennaio

  • Tavoli pieni e cena regolare nei ristoranti aperti ieri sera contro il Dpcm

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • Coronavirus, percentuale di positivi in crescita. A Modena altro picco

  • Coronavirus, oggi dati in netto calo in Emilia-Romagna. A Modena 203 casi

Torna su
ModenaToday è in caricamento