Nasce un comitato universitario a tutela del Patrimonio Unesco modenese

A tutelare, conservare e monitorare il patrimonio Unesco di Modena ovvero la Cattedrale, la Torre Ghirlandina e Piazza Grande sarà un comitato per l’Alta Sorveglianza Scientifica del sito Unesco

Il prof. Alessandro Capra del DIEF – Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari ed il prof. Stefano Lugli del Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche di Unimore nominati nel Comitato per l’Alta Sorveglianza Scientifica del Sito Unesco di Modena. Nell’ambito del nuovo Piano di Gestione del Sito Unesco di Modena per garantire continuità all’importante lavoro di carattere scientifico, finalizzato alla tutela dei monumenti riconosciuti Patrimonio Mondiale nel 1997, avviato in occasione dei recenti restauri che hanno interessato sia il Duomo che la Ghirlandina, è stato costituito il Comitato per l’Alta Sorveglianza del Sito che riunisce in un unico organismo gli esperti che hanno dato un contributo fondamentale ai lavori di conservazione e monitoraggio che hanno interessato questa importante e apprezzata area su cui sorgono le splendide architetture.

Questa la ragione che ha indotto l’Unesco a fare entrare nel Comitato di Alta Sorveglianza Scientifica del sito Unesco di Modena, che comprende la Cattedrale, la Torre Ghirlandina e Piazza Grande, i due docenti di Unimore che hanno seguito il monitoraggio integrato dei due monumenti prima e anche durante e dopo il sisma del 2012. "Sono molto contento di essere stato invitato a far parte di questo Comitato – afferma il prof. Alessandro Capra del DIEF - Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di Unimore -  e sono estremamente soddisfatto che si sia costituito un Comitato che si occuperà congiuntamente di Duomo e Ghirlandina mettendo a frutto le ricerche e gli studi condotti i vari ambiti con approccio tipicamente interdisciplinare. Il lavoro fino ad oggi condotto è esemplificativo dell’approccio integrato multidisciplinare che necessita lo studio di un bene culturale così articolato e complesso e la formalizzazione del Comitato di alta sorveglianza garantirà la prosecuzione dell’impegno nella conoscenza, monitoraggio e valorizzazione del sito UNESCO".

“La nomina a membro del Comitato di alta sorveglianza scientifica del Sito UNESCO – afferma il prof. Stefano Lugli del Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche di Unimore -  arriva dopo anni di lavoro durante i quali, anche con il coinvolgimento di molti studenti, sono stati studiati gli aspetti geologici del sottosuolo e la provenienza e degrado dei materiali da costruzione (pietre ornamentali e malte) di duomo e torre. Attraverso queste indagini è stato possibile progettare gli interventi di restauro e verificare con metodologie innovative di datazione assoluta la cronologia degli eventi sismici che hanno danneggiato la cattedrale nei secoli. Con la costituzione del Comitato il lavoro continua per tenere sotto controllo lo stato di salute dei monumenti simbolo della nostra città e patrimonio dell'intera umanità”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Comitato per l’Alta Sorveglianza Scientifica del Sito Unesco di Modena è composto inoltre dalla Soprintendente dott.ssa Cristina Ambrosini, dal prof. Giovanni Carbonara dell’Università “La Sapienza” di Roma, dal prof. Renato Lancellotta del Politecnico di Torino, dal prof. Tomaso Trombetti dell’Università di Bologna, dall’ing. Mario Silvestri, dall’arch. Elena Silvestri e dall’arch. Pietro Morselli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coop Alleanza 3.0, la Cgil conferma lo stato di agitazione dopo le denunce dei dipendenti

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Coronavirus, stranieri positivi rientrati in Italia e isolati. Salgono di 51 i casi in regione

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in ospedale

  • Nubifragio e allagamenti, disagi lungo la Pedemontana per gli smottamenti

Torna su
ModenaToday è in caricamento