Attualità

Arrivano i vaccini in farmacia a fine agosto, la Regione è pronta

Si punta sulla capillarità territoriale della somministrazione. Uno studio della Regione indica che i non vaccinati rischiano 32 volte di più il ricovero

In Emilia-Romagna "entro fine agosto" saranno in campo anche i farmacisti per le vaccinazioni anti-Covid. A dirlo è l'assessore regionale alla Sanità, Raffaele Donini, oggi in conferenza stampa per fare il punto sulla campagna vaccinale e l'andamento dei contagi. "L'accordo è siglato- spiega Donini- sono sicuro che a fine agosto anche i farmacisti saranno in campo".

Oltre a questo, in Emilia-Romagna si faranno anche "altre iniziative per andare incontro ai cittadini", assicura Donini, come i camper e le cliniche mobili avviate in Romagna, perchè si vaccinino più persone possibili. L'assessore parla di presidi mobili, ma anche di punti fissi nelle piazze, sotto forma di gazebo, che serviranno anche per le persone senza fissa dimora. Intanto, la Regione sta partecipando allo studio condotto dall'Istituto superiore di sanità sul rischio di infenzione nei non vaccinati rispetto ai vaccinati. E dai dati, segnala l'assessore, emerge che "per i non vaccinati il rischio di contrarre l'infezione è sei volte più elevato e il rischio di ricoveri è 32 volte più alto".

Analizzando i dati che riguardano tutti i tipi di vaccino e le persone vaccinate col ciclo completo, spiega Donini, si vede che il siero regala una "barriera efficace all'89,7% dopo 15 giorni dalla seconda dose. E la vaccinazione aiuta a non contagiarsi già dopo la prima dose: è efficace al 64% dopo tre settimane e al 45% dopo 15 giorni". Per la prevenzione dei ricoveri entro 30 giorni dall'infezione da Covid, continua Donini, l'efficacia del vaccino è al 95,6% a 15 giorni dal richiamo e al 60% dopo 14-21 giorni dalla prima dose. L'efficacia al 95% è anche per quanto riguarda la prevenzione dei decessi. Questa barriera, tra l'altro, si mantiene anche nel tempo intorno al 90-95% fino a oltre 140 giorni, spiega l'assessore.

Dal 22 giugno al 19 luglio, cioè da quando "ha fatto il balzo la variante Delta", sottolinea Donini, in Emilia-Romagna si sono registrate 1.741 infezioni per i non vaccinati, con un'incidenza mensile di 16,3 casi ogni 10.000 abitanti. Sono state invece 309 le infezioni per le persone vaccinate, con un'incidenza mensile di 1,5 casi su 10.000. Si tratta insomma di una "barriera importantissima- insiste l'assessore- che dovrebbe indurre a vaccinarsi chi non l'ha ancora fatto".

Coronavirus, 493 nuovi positivi in regione: "Cresceremo ancora"

Emilia-Romagna, entro agosto prima dose di vaccino all'80% della popolazione

(DIRE)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrivano i vaccini in farmacia a fine agosto, la Regione è pronta

ModenaToday è in caricamento