Attualità

Viaggio nei campi profughi palestinesi, un rappresentante modenese nella delegazione europea

Il nuovo viaggio del sindacalista Cgil Franco Zavatti insieme a Ong e associazioni è alla volta del Libano, sui luoghi dell'eccidio di Sabra e Shatila

La terribile strage del 16 settembre 1982 alle periferie di Beirut, nei campi profughi palestinesi di Sabra e Shatila, compiuta dalle falangi libanesi col sostegno militare e logistico dell'esercito israeliano che invase il Libano, si "concluse" con migliaia di vittime. Quel triste anniversario vedrà, anche quest'anno, la partecipazione solidale di ONG ed organizzazioni impegnate nella cooperazione internazionale, provenienti da parecchi Paesi europei.  Anche dall'Italia sono partiti una trentina di aderenti, tra cui l'Associazione "Modena incontra Jenin", con sede in Cgil, che è rappresentata da Franco Zavatti. 

Un terribile massacro, che la stessa Assemblea Generale dell’ONU condannò duramente,definendo quell'assedio e strage " un atto di genocidio", ripropone - dopo tanti anni - la drammaticità delle tante crisi irrisolte nel vicino ed intero Medio Oriente. Tuttora aperte e dannose per milioni di famiglie palestinesi, libanesi, siriane, kurde, nella visibile incapacità di pacificazione e controllo delle Organizzazioni internazionali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viaggio nei campi profughi palestinesi, un rappresentante modenese nella delegazione europea

ModenaToday è in caricamento