Da Fossoli a Mauthausen: il 27 febbraio riparte il viaggio della Memoria per 450 studenti

Dal 27 febbraio al 2 marzo gli studenti di 30 istituti superiori della di Modena e provincia parteciperanno al viaggio promosso dalla Fondazione Fossoli in Germania e Austria, alla scoperta dell’universo concentrazionario nazista

“In un Paese dove la senatrice Liliana Segre è costretta a muoversi sotto scorta a causa delle minacce ricevute, dove ogni giorno si moltiplicano i segnali di odio e xenofobia, dove i razzismi sembrano non estinguersi mai, tornando anzi a rialzare la testa, viaggi come questo rappresentano una grande opportunità per nutrire la pianta della Memoria e della conoscenza della storia. Rappresentano uno strumento fondamentale per formare gli uomini e le donne di domani, affinché quello che è stato non accada mai più e la democrazia e il rispetto della vita umana prevalgano sempre sull'odio e sulla violenza”: con queste parole il Presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini sottolinea l’importanza di Storia in viaggio. Da Fossoli a Mauthausen, il progetto promosso dalla Fondazione Fossoli la cui quarta edizione si svolgerà dal 27 febbraio al 2 marzo, coinvolgendo circa 500 tra studenti e docenti degli istituti superiori di Modena e provincia, in un itinerario che, in cinque giorni, toccherà i luoghi della memoria tra Italia, Germania e Austria, sulle tracce dell’universo concentrazionario nazifascista.

La cerimonia di partenza avrà luogo la mattina di giovedì 27 febbraio, alle ore 8:30, presso il Campo di Fossoli, a Carpi. Sul palco per salutare gli studenti ci saranno lo stesso Bonaccini con il Presidente della Fondazione Fossoli Pierluigi Castagnetti, il Vescovo di Modena Erio Castellucci, il Rabbino capo di Modena Beniamino Goldstein e l’Assessore alla Cultura del Comune di Carpi Davide Dalle Ave.

Le tappe del viaggio, che toccherà alcune tra le città simbolo del regime quali Monaco di Baviera, Linz, Salisburgo e Innsbruck, rappresenteranno un vero e proprio percorso all’interno dell’universo concentrazionario, con un’attenzione dedicata a diversi aspetti della macchina di morte nazista, non limitandosi esclusivamente alla persecuzione e allo sterminio degli ebrei, ma venendo a contatto anche con temi quali il lavoro coatto e la famigerata Aktion T4, che portò l’uccisione di migliaia di persone affette da malattie genetiche inguaribili e di portatori di handicap, tutte “vite indegne di essere vissute” secondo la visione dell’eugenetica nazista, senza dimenticare la sorte riservata agli internati politici. Tra le tappe, i campi di Mauthausen, Gusen, Dachau, Ebensee, oltre al castello di Hartheim.

Da sottolineare inoltre come i cinque giorni del viaggio – che, lo ricordiamo, vede coinvolti 30 istituti superiori dei territori di Carpi, Castelfranco, Finale Emilia, Mirandola, Modena, Montombraro, Pavullo, Sassuolo e Vignola – non rappresentino che il culmine di un percorso di formazione molto più ampio, che ha preceduto per mesi la partenza e che, per tutti i partecipanti, ha previsto tre specifici momenti: uno in classe, in cui ogni scuola ha ‘adottato’ un testimone transitato dal Campo attraverso la letture della sua biografia o autobiografia), la visita al Campo di Fossoli, per comprendere il ruolo giocato dall’ex Campo di concentramento nel sistema concentrazionario europeo, e la conferenza del professor Francesco Mario Feltri sulle origini del nazismo nei primi decenni del secolo scorso.

Formazione che proseguirà anche durante il viaggio, con la presenza di cinque storici - Elisabetta Ruffini, Francesca Costantini, Emanuele Edallo e Roberta Mira – insieme agli stimoli degli operatori della Fondazione Fossoli e alla possibilità di partecipare ai numerosi laboratori, come quelli di giornalismo, curato da Marcello Marchesini, fotografia, condotto da Stefania Lasagni insieme a Massimo Mazzoli, oltre a quello di produzione multimediale, curato da Roberto Zampa e Giovanni Vignali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ultimo ma non meno importante: l’esperienza maturata durante viaggio sarà elaborata nelle varie classi al ritorno, per poi essere condivisa anche al ritorno in un momento pubblico di restituzione, che si svolgerà giovedì 30 aprile presso il Teatro Comunale di Carpi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa dopo la scuola, ritrovata a Pavia la 16enne di Sassuolo

  • Covid, positività in 13 scuole modenesi. Nuovo caso al "Fermi"

  • L'auto si schianta contro una casa, 20enne muore sul colpo

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Contagio, 12 casi nel modenese. Nessun rientro dall'estero

  • Investe un ciclista e fugge, caccia ad un'auto-pirata a Vignola

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento