YouPol. Debutta l'app della Polizia per segnalare di bullismo e spaccio a scuola

Segnalare atti di bullismo o spaccio di droga sarà più semplice per gli studenti modenesi grazie a questa nuova applicazione collegata direttamente con la Polizia di Stato, naturale evoluzione tecnologica del servizio finora basato sugli sms

È stata presentata oggi all'Istituto Jacopo Barozzi YouPol, l'applicazione che mette in contatto diretto gli studenti con la Polizia di Stato per denunciare atti di bullismo o spaccio di droga. L'applicazione permette di inviare messaggi, immagini e video che denunci i fatti subiti o che stanno subendo altri studenti. È inoltre possibile allertare in pochi secondi le Forze dell'Ordine chiamandole per intervenire. 

IL VIDEO - COME FUNZIONA L'APPLICAZIONE

"Cerchiamo di farvi crescere con la consapevolezza che il conflitto c'è. A volte non saper esprimere volontà e modi con le parole, si sprigiona in atti fisici. L'obiettivo di questa App è proprio quello di segnalare queste situazioni - commenta la preside del Barozzi - noi collaboriamo da anni con la Polizia di Stato e la Guardia di Finanza, e da sempre ci impegniamo in un importante lavoro per la prevenzione dei comportamenti di arroganza. Spesso si dice che si tratta di uno scherzo, sia da parte del bullo che della vittima. Ma raramente si tratta di scherzi. Questa app permette di segnalare queste situazioni critiche."

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La polizia di stato da sempre ha cercato di realizzare un ponte  gli studenti - commenta il questore Filippo Santarelli - questa app permette di riferire direttamente ad un operatore che è in sala operativa circa fatti di cui siete testimoni o purtroppo vittime. La app riguarda la segnalazione di atti di bullismo e di spaccio di droga. Ricordatevi che non siete mai soli, ci siamo sempre noi, e ci invitiamo a coinvolgere anche i genitori a casa. E se collaboriamo possiamo prevenire queste situazioni ed evitare atteggiamenti che a volte implicano persino un reato. Ricordatevi che voi siete parte integrante del sistema democratico."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiude anche la Cornetteria: "Queste regole impediscono di lavorare"

  • Coronavirus, tornano a crescere i casi in regione. "Stiamo testando gli asintomatici"

  • Fase 2, buone notizie per chi deve prendere la patente: c'è la data per la riapertura delle scuole guida

  • Contagio, due nuovi casi a Carpi e Castelvetro. Deceduta una 54enne

  • Contagio, ancora due positivi nel modenese. Ennesimo decesso in Appennino

  • Covid-19 e fase acuta: a Modena il primo intervento di riparazione del tessuto polmonare

Torna su
ModenaToday è in caricamento