rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
Benessere

Dieci comportamenti e tendenze che intossicano gli ambienti di lavoro

Dalla repressione dell’intelligenza emotiva alla mancanza di imprenditività, ecco le 10 cose che intossicano gli ambienti di lavoro

Smart working e flessibilità sono concetti lavorativi ormai superati e oggi parte del DNA stesso delle imprese: è quanto emerge dal Report Best Workplaces for Millennials 2022 condotto su un campionario di 16.453 collaboratori di aziende appartenenti alla generazione Millennials - persone nate tra il 1981 e il 1997 -  da Great Place to Work, società di consulenza organizzativa che analizza gli ambienti di lavoro.

Non solo: meritocrazia, assenza di favoritismi, comportamenti etici da parte del management e possibilità di lavorare divertendosi in un ambiente sano dal punto di vista psicologico sono solo alcuni dei fattori maggiormente attrattivi per i Millennials lavoratori che, in alcuni casi, possono essere più felici di andare a lavoro fino al 24% in più rispetto a chi esercita in un contesto lavorativo in cui gli elementi sopra citati non sono considerati prioritari. 

Ma quali comportamenti e tendenze intossicano maggiormente gli ambienti di lavoro? Si è parlato di questo e di molto altro a “Può esistere il workplace ideale? Idee, strumenti e cultura per migliorare il luogo di lavoro”, panel coordinato dalla piattaforma di tutoring online Fluentify - tra le altre cose premiata come Best Workplaces Europe 2022 - nell’ambito del Forum Risorse Umane tenutosi nei giorni scorsi.

1. Reprimere l’intelligenza emotiva

L’ambiente di lavoro è uno dei contesti in cui il non saper instaurare rapporti costruttivi, l’affidarsi solo all’intuito, il non cogliere le correnti emotive positive che si stabiliscono tra le persone si rivela un’arma distruttiva per tutto il team. 

2. Sentirsi imprigionati in un ruolo

Oltre all’aumento delle competenze e, in alcuni casi, a possibili avanzamenti di carriera, la rotazione dei ruoli in azienda previene eventuali cali di motivazione e contribuisce a mantenere l’ambiente di lavoro frizzante e stimolante. Imprigionare i dipendenti in un ruolo e pensare che la loro crescita passi solo per il livello di seniority crea un clima di competizione non sempre sano.

3. Non ricevere premi

Checchè se ne dica, i complimenti non bastano. Il lavoratore si sente valorizzato e gratificato quando qualcuno nota e premia il suo impegno. Che si tratti di aumenti di stipendio, bonus, buoni acquisto, buoni regalo o benefit, l’importante è che il dipendente non pensi che i suoi sforzi passino inosservati o che vengano compensati solo con un “bravo”.

4. Non festeggiare i successi altrui

La celebrazione dei risultati altrui, di qualsiasi natura essi siano, stimola il team - e non la singola persona - e alimenta lo spirito d’iniziativa di tutti. Concedere a tutti un momento per festeggiare, contribuisce a creare legami virtuosi con i colleghi. Il successo, se non condiviso, rimane solo il raggiungimento di un obiettivo personale.

5. Lavorare in un contesto poco meritocratico

Quando un dipendente modello si sente scavalcato da un collega oggettivamente meno competente e meritevole di promozioni, il team si divide e vengono meno l’aderenza e il senso di appartenenza alla propria azienda.

6. Non sentirsi accolti

Che sia per tre giorni a settimana o anche solo per una riunione, non lavorare in un luogo di lavoro accogliente, familiare e luminoso non rende il dipendente felice di spostarsi da casa e, di conseguenza, limita la possibilità di costruire legami importanti tra colleghi.

7. Mancanza di fiducia 

Quando possibili, non favorire iniziative come lo smart working in luoghi di villeggiatura o la settimana corta fa pensare al lavoratore che la causa potrebbe essere una mancanza di fiducia da parte della governance, fattore che crea pericolose dinamiche di micro management.

8. Avere un capo distaccato

Il lavoratore di oggi vorrebbe che il proprio capo cercasse il dialogo con lui. Questo non significa aspettarsi un interesse nei confronti della propria vita privata, anzi, ma semplicemente sentirsi ascoltati in maniera attiva e partecipativa in modo da evitare eventuali richieste di un confronto privato per malumori o incomprensioni.

9. Non sentirsi imprenditori

Se è vero che il successo di uno è il successo di tutti e che la crescita di un’azienda è la crescita di tutti, reprimere il senso di imprenditività e di co-responsabilità dei collaboratori fa venir meno loro il senso di iniziativa, creatività e intraprendenza.

10. Non aderire a una missione comune

Non sentirsi parte di un progetto non ci fa aderire appieno ai valori dell’azienda per cui lavoriamo. Sono iniziative come una giornata dedicata alla raccolta dei rifiuti nella propria città insieme ai propri colleghi che alimentano all’interno del team il vero senso di appartenenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dieci comportamenti e tendenze che intossicano gli ambienti di lavoro

ModenaToday è in caricamento