SIMOvies

SIMOvies

First Man - Il primo uomo – La recensione

La storia di un uomo che divenne leggenda con un semplice passo. Voto: 8

“L’esplorazione dello spazio ci permetterà di vedere cose che non abbiamo visto prima e che forse avremmo dovuto.”

La pellicola racconta la storia dello sbarco sulla luna avvenuto nel 1969, ma anche di Neil Amstrong come persona: dal lavoro alla Nasa ai propri problemi familiari.

Dopo il pluripremiato “La la land”, Damien Chazelle ritorna alla regia con un nuovo lungometraggio sperimentando un genere da lui mai trattato prima d’ora. Il suo lavoro è nuovamente impeccabile, caratterizzato da un forte uso di macchine a mano per far entrare lo spettatore nel vivo della storia. Da lodare sono anche la fotografia, tipica dell’epoca degli anni ‘60, e il montaggio perfettamente in linea nelle varie situazioni. Altri punti da sottolineare sono riscontrabili nei costumi adottati e nelle meravigliose scenografie mostrate. 

Il personaggio di Neil Amstrong, come anche i vari personaggi secondari, è ben scritto, ma manca di una vera e propria evoluzione nel corso della pellicola. La storia raccontata è emozionante, ma talvolta stenta a decollare e potrebbe annoiare una parte di pubblico.
Allo stesso tempo bisogna dar merito a Ryan Gosling e Claire Foy che hanno dimostrato di essere in grandissima forma nell’interpretazione dei propri ruoli.

Senza alcun dubbio la parte di maggior impatto della pellicola è la colonna sonora, in grado di accompagnare perfettamente le varie scene, ma ancora più rilevante è il sonoro che ricopre un ruolo fondamentale. Proprio per questo motivo è caldamente consigliata la visione di questo film al cinema perché dotato di un ottimo impianto audio.

“First Man - Il primo uomo” è un film che sicuramente avrà diverse candidature agli Oscar, ma rimane una pellicola non piacevole per tutti. Infatti il lungometraggio potrebbe annoiare per via di un ritmo troppo lento, ma al contempo potrebbe entusiasmare ed emozionare gli appassionati di cinema e del genere.

SIMOvies

Uno spazio che si occupa della pubblicazione di recensioni di film e serie tv in uscita. Questo blog è rivolto a tutti coloro che sono interessati al mondo del cinema o a chi, semplicemente, vuole un consiglio per sapere cosa guardare. Simone Grillini è nato il 7 settembre 1999, esattamente 4 mesi dopo l'uscita del celebre film Matrix. Studia chimica ed è appassionato di cinema. I suoi film preferiti sono i thriller come Inception, The Prestige e Shutter Island, ma ama guardare un po’ di tutto: dall’animazione al drammatico, dallo sportivo al fantasy.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
ModenaToday è in caricamento