SIMOvies

Opinioni

SIMOvies

A cura di Simone Grillini

Venom – La recensione

Un film tanto atteso quanto deludente, la Sony spreca nuovamente un prodotto con un gran potenziale.  Voto: 4,5

Eddie Brock è un giornalista investigativo ed è famoso per i suoi numerosi scoop. Un giorno comincia ad indagare su diverse azioni losche effettuate da una celebre azienda, la “Life Foundation”. In questo modo Eddie si mette contro Carlton Drake, il presidente della ditta, e ciò gli causa la fine della sua carriera da giornalista. La situazione si capovolge quando il nostro protagonista entra in contatto con un simbionte alieno.

“Venom” è considerato uno dei film più attesi dell’anno, portando a sé molte aspettative da parte di numerosi fan che, purtroppo, non sono state soddisfatte. Molta gente pensava che non fosse possibile realizzare un lungometraggio su tale personaggio senza la presenza di Spider-Man. Ebbene, da questo punto di vista, la pellicola ha dimostrato il contrario. L’idea di base, seppure semplice, non è male, peccato per come sia stata messa in atto. Infatti si riscontrano diversi difetti, a partire da una regia confusionaria e poco chiara sostenuta da un montaggio altrettanto scialbo. Nonostante non ci sia alcun colpo di scena, la storia si dimostra potenzialmente interessante e talvolta divertente e godibile. Purtroppo, però, è stata gestita male dilungandosi inutilmente nella prima parte per poi, nella seconda metà, passare ad un ritmo fin troppo frettoloso e sbrigativo. Anche gli effetti speciali, nonostante non siano disastrosi, non sono assenti da difetti. 

Il villain non riesce a creare alcun interesse col pubblico, l’unica sua nota positiva, bisogna riconoscerla, è l’interpretazione da parte di Riz Ahmed. Allo stesso modo tutti gli altri personaggi hanno una pessima caratterizzazione risultando piatti e, in più occasioni, mostrano dei comportamenti estremamente innaturali. Inoltre, anche la sceneggiatura risulta deludente e approssimata, caratterizzata da numerose lacune che fanno acqua da tutte le parti.

Al contrario il design del villain e di Venom stesso sono ben realizzati, riuscendo, un minimo, ad emozionare il pubblico. Altri punti a favore li riscontriamo in un buon sonoro e in una discreta colonna sonora. La fotografia fredda e buia è ben fatta, ma talvolta risulta in contrasto con l’atmosfera creata.

A vestire i panni di  Eddie Brock non è altro che Tom Hardy, famoso per i suoi ruoli in numerosi film come Revenant – Redivivo, Legend o Dunkirk. Da lui ci si aspetta sempre molto ed in questa pellicola la sua interpretazione è discreta, ma non ai soliti livelli, mentre il suo doppiaggio affidato a Adriano Giannini non convince.

“Venom” è, senza alcun dubbio, un film che poteva offrire tanto, ma, purtroppo, si è rivelato deludente lasciando dietro di sé il rammarico di non pochi fan che attendevano questo lungometraggio da anni.

Si parla di
ModenaToday è in caricamento