Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca Bastiglia

A Bastiglia le esequie di Giulia, svolta l'autopsia chiesta dalla famiglia

Ultimo saluto alla 16enne deceduta in seguito ad un arresto cardiaco. Per l'indagine approfondita potrebbe servire tempo

La comunità bastigliese si è stretta intorno alla famiglia Lucenti, che oggi ha dato l'estremo saluto a Giulia, 16 anni, deceduta nella propria abitazione il 9 settembre scorso. Le esequie si sono svolte presso la chiesa del paese, presente anche il sindaco Francesca Silvestri. Tanti anche i ragazzi, tra amici e compagni di scuola. Una tragedia che ha certamente lasciato un segno nel piccolo paese alle porte di Modena.

Il funerale  è stato possibile dopo gli accertamente autoptici sul corpo dell'adolescente, come richiesto dalla famiglia che si è rivolta ad un legale per ottenere il riscontro diagnostico sulla figlia. La Procura non aveva infatti ravvisato gli estremi per l'apertura di un'indagine, ma padre e madre della ragazza hanno chiesto di fare luce sulle cause della morte.

Bastiglia in lutto, muore a 16 anni in casa per un malore

Giulia soffriva un problema congenito al cuore, ma conduceva una vita normale e di fatto quel problema relativo al prolasso della valvola mitralica pareva non avere avuto ripercussioni significative, specie negli ultimi tempi. La morte è arrivata dunque come un drammatico fulmine a ciel sereno, senza che prima vi fossero neppure avvisaglie di un malessere.

Ovviamente sotto i riflettori è finito un ipotetico nesso con il vacino anti-covid, considerando che la ragazza si era sottoposta alla seconda dose di Pfizer meno di 24 ore prima della morte. Attualmente l'Ausl ha segnalato il caso ad Aifa, ma tenderebbe ad escludere una correlazione, come dichiarato nei giorni scorsi dallo stesso Dg Antonio Brambilla. L'esame autoptico potrebbe fornire alcuni indicazioni, ma i tempi per una valutazione accurata potrebbero essere lunghi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Bastiglia le esequie di Giulia, svolta l'autopsia chiesta dalla famiglia

ModenaToday è in caricamento