Abbattere le nutrie? "Crudeltà che non porta risultati"

Questione nutrie, scienziati e veterinari concordi con Enpa in un convegno svoltosi a Parma: inutili gli abbattimenti, i soli metodi efficaci sono quelli ecologici

"Le metodologie cruente sono del tutto inutili per la gestione della fauna selvatica; per questo, oggi più che mai, è necessaria una inversione di tendenza". E' quanto hanno sostenuto, con incontrovertibili argomentazioni scientifiche, gli autorevoli relatori - studiosi e veterinari – intervenuti all'incontro pubblico sulla “questione nutrie" svoltosi di recente a Parma con l'università di Parma, la Prefettura, il Consorzio di Bonifica Parmense e Coldiretti.

«E' giunto il momento, per tutti, di cambiare strategia e di applicare i metodi ecologici ricorrendo non solo alla sterilizzazione o al posizionamento di reti anti nutria, ma prestando, anche e soprattutto, una maggiore attenzione all'inclinazione degli argini troppo spesso totalmente spogli, o al ripristino degli habitat e di una agricoltura di qualità in armonia con la scienza e con i tanti, positivi progetti presentati oggi nell'incontro. Dobbiamo – ha aggiunto la consigliera Enpa Lella Gialdi - partire proprio dalla tutela del territorio, fortemente interessato dall'agricoltura intensiva».

Una posizione, questa, che la Protezione Animali sostiene e promuove da tempo. «Per anni è stato fatto credere al mondo agricolo che l'unica soluzione possibile per presunti danni da fauna era lo sterminio degli animali – precisa Andrea Brutti dell'ufficio fauna selvatica di Enpa – ma a nostra avviso si tratta una visione creata apposta per dare agli agricoltori un qualche tipo di “risposta”, ancorché del tutto fuorviante, e per accontentare anche il mondo venatorio, troppo spesso chiamato in causa per la gestione faunistica».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Basta, quindi, prendersela con gli animali e basta promuovere campagne diffamatorie contro di loro; è invece necessario ricorrere a soluzioni eticamente accettabili, scientificamente valide e realmente al passo con i tempi. Proprio come hanno detto e dimostrato gli scienziati presenti all'incontro, i quali hanno sottolineato l'impossibilità di ottenere risultati validi percorrendo la strada dell'eradicazione, una pratica abbandonata dalla stessa UE perché del tutto inutile a contrastare la presenza degli animali sul territorio. Ucciderli non serve a nulla: l'esperienza maturata in più di 20 anni di abbattimenti "selettivi" ci dice che è finalmente giunto il momento di puntare sugli unici metodi realmente efficaci, quelli ecologici e cruelty free».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale e grandine, una furia in piena notte si abbatte sulla provincia

  • Come eliminare il grasso in eccesso? Gli specialisti di Modena usano... il freddo!

  • Coronavirus, individuati 56 nuovi casi positivi. Due i decessi

  • Temporali. Ancora grandine e vento forte, crollati diversi alberi

  • Covid, 6 casi nel modenese. Un nuovo ingresso in terapia subintensiva

  • Contagio. Individuati 8 casi nel modenese, tutti in isolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento