rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Cronaca

Pronto Soccorso, in provincia 260mila accessi in un anno

Il 13% di chi accede poi viene ricoverato, mentre solo il 2% è un codice rosso. Sono complessivamente 594 coloro che gestiscono le emergenze, con diversi ruoli. E da oggi si aggiungono anche i primi sette medici con specifica specializzazione

Nel 2013, in media, sono state 713 le persone quotidianamente accolte dalla rete dell’emergenza-urgenza della provincia di Modena. Un numero che da solo aiuta a comprendere l’imponente e delicato lavoro che ogni giorno il Dipartimento Interaziendale di Emergenza-Urgenza è chiamato a svolgere attraverso la propria articolata organizzazione composta da sette Pronto Soccorso – Policlinico di Modena, Nuovo Ospedale Civile Sant’Agostino Estense a Baggiovara, Carpi, Pavullo, Vignola, Mirandola, Sassuolo - e tre Punti di Primo Intervento, a Finale Emilia, Fanano e Castelfranco Emilia. 

Una macchina che nell’anno passato ha gestito 260.239 accessi che nel 13% dei casi ha portato ad un ricovero. ll numero più elevato di richieste si è avuto al Policlinico di Modena, (62.965, con 923 codici rossi), mentre il Nuovo Ospedale Civile Sant’Agostino Estense ha accolto 44.095 persone (17% del totale) con una importante presenza di casi complessi, tanto che sul totale dei codici rossi, il 46% è stato gestito dalla struttura di Baggiovara. Con riferimento ai numeri assoluti, seguono poi il Ramazzini di Carpi, 45.054 (18% del totale), e Sassuolo, 37.793 (15% del totale). 

Osservando i codici assegnati, risulta che i rossi, vale a dire i casi più gravi nei quali almeno uno dei parametri vitali del paziente è risultato compromesso, sono stati 4.268, pari al 2% degli accessi totali. Determinante nello loro gestione ottimale è stata la centralizzazione, in base a percorsi condivisi e predefiniti, presso i due ospedali cittadini che svolgono la funzione di hub provinciale. 

Con riferimento agli altri codici, emerge che i bianchi - quelli nei quali non è presente alcuna sintomatologia critica o rischio di aggravamento e non sono interessate le funzioni vitali della persona – sono circa 30mila, pari al 9% del totale. Oltre 47mila (17%), invece, i codici gialli che riguardano pazienti in situazione critica che richiede un accesso rapido alle cure. La maggior parte degli accessi – poco meno di 183mila, pari al 71% del totale - sono stati classificati dagli operatori sanitari come codici verdi. In questi casi il paziente necessita di una prestazione sanitaria che può essere momentaneamente differita senza comprometterne lo stato di salute. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pronto Soccorso, in provincia 260mila accessi in un anno

ModenaToday è in caricamento