rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca Caduti in Guerra / Corso Canalgrande, 77

Nuovo accordo, le pene per molti reati si potranno scontare con i lavori utili

Accordo firmato da Comune di Modena e Tribunale: l’attività lavorativa a favore della collettività in settori dell’ente pubblico è estesa a numerose e diverse fattispecie penali

Sono 108 i condannati per contravvenzioni al Codice della Strada relative alla guida sotto l'influenza dell'alcool e in stato di alterazione psico-fisica per uso di sostanze stupefacenti che hanno potuto scontare la pena impegnandosi in lavori di pubblica utilità presso l’Amministrazione comunale di Modena: dalla Polizia municipale all’Ambiente ai Lavori pubblici. 

Tutte persone che “hanno dimostrato la volontà di inserirsi positivamente nei settori, partecipando attivamente al lavoro, seguendo le indicazioni fornite e presentandosi puntualmente alla sede di lavoro”, come si evince dalle diverse relazioni elaborate da coordinatori e tutor di ogni singolo percorso.

Da oggi, non soltanto chi ha violato gli articoli 186 e 187 del Codice della strada potrà commutare la pena detentiva e pecuniaria in un prestazione di attività lavorativa non retribuita a favore della collettività. Comune di Modena e il Tribunale hanno, infatti, firmato una nuova convenzione che prevede che il lavoro di pubblica utilità possa essere svolto presso l’Amministrazione comunale, così come in altri enti pubblici, in tutti i casi di messa alla prova con sospensione del processo richiesti dall’interessato e accolti dall’Autorità giudiziaria, come previsto dall’articolo 168 bis del Codice penale.

Si tratta di un’ampia casistica di reati puniti con la sola pena pecuniaria o con la pena detentiva, congiunta o alternativa a quella pecuniaria, inferiori a quattro anni - dai delitti contro il patrimonio a quelli contro la pubblica amministrazione, come la violazione di sigilli o l’oltraggio a pubblico ufficiale – su cui comunque si esprimerà il giudice.

Il sindaco Gian Carlo Muzzarelli e il presidente del tribunale Vittorio Zanichelli, hanno firmato nei giorni scorsi la convenzione che ha durata triennale; sarà poi il Comando della Polizia municipale a coordinare e verificare l’attività dei singoli imputati. In particolare, la disponibilità dell’Ente dovrà prima essere verificata con la vicecomandante Patrizia Gambarini (patrizia.gambarini@comune.modena.it) e una volta ottenuta, andrà contattato l’Ufficio di Esecuzione Penale Esterna (uepe.modena@giustiziacert.it, uepe.modena@giustizia.it) per il programma dei lavori.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo accordo, le pene per molti reati si potranno scontare con i lavori utili

ModenaToday è in caricamento