E' arrivata a Modena Agra, il nuovo cane antidroga della Guardia di Finanza

Ha già avuto esperienze "sul campo" a Trapani e a Giulianova: ora presterà servizio in provincia con il suo conduttore

Con l’anno 2020 appena cominciato, la Guardia di Finanza di Modena si arricchisce di nuove forze grazie all’arrivo di un nuovo componente del tutto speciale: Agra, pastore tedesco dal fiuto antidroga. La new entry a quattro zampe giunge a Modena dopo essere stata impiegata in diverse realtà della nostra penisola. Infatti, la nuova arrivata, dopo essere stata addestrata presso il “Centro Allevamento e Addestramento Cani della Guardia di Finanza” di Castiglione del Lago (PG), ha prestato servizio a Trapani, presso lo scalo aereoportuale e a Giulianova (TE), dove è stata impiegata nella lotta al traffico di sostanze stupefacenti.

La neo arrivata tra le fila delle Fiamme Gialle geminiane è giunta in città dopo un periodo di affezionamento trascorso con il suo nuovo conduttore e va così ad arricchire la componente operativa specializzata nel settore del contrasto al traffico ed allo spaccio di stupefacenti del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Modena, dove già presta servizio un altro cane antidroga.

Oltre ad Agra, infatti, già da diversi anni, è presente in città, Thor, il labrador a pelo nero, che quest’anno è stato in grado di fiutare quasi 3 kg di sostanze stupefacenti, di diverse tipologie, fra le quali: cocaina, hashish, marijuana, eroina, ketamina, ecstasy e shaboo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La preparazione e l’addestramento ricevuto da questi cani antidroga consente loro, infatti, di percepire, anche a distanza di decine metri, la presenza di droghe nascoste in zaini o borse, ovvero occultate sulla persona. L’attività di contrasto allo spaccio di stupefacenti svolta dai finanzieri modenesi è realizzata principalmente mediante l’impiego del personale specializzato A.T.P.I. (Anti-Terrorismo Pronto Impiego) e viene rivolta prioritariamente verso i contesti urbani caratterizzati da maggiore degrado, affiancando alla costante attività di controllo economico del territorio il monitoraggio dei soggetti potenzialmente pericolosi in ottica anti-terrorismo, al fine di rafforzare la sicurezza dei cittadini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiude anche la Cornetteria: "Queste regole impediscono di lavorare"

  • Cosa fare a Modena e provincia: 10 idee per il weekend

  • Coronavirus, tornano a crescere i casi in regione. "Stiamo testando gli asintomatici"

  • Contagio, due nuovi casi a Carpi e Castelvetro. Deceduta una 54enne

  • Auto ribaltata dopo un tamponamento in via Giardini, un ferito a Formigine

  • Covid. In Emilia-Romagna oggi 31 casi e 7 decessi

Torna su
ModenaToday è in caricamento