Trasporto illegale di amianto, camion sequestrato dai carabinieri

Anziché fare più viaggi per il trasporto di eternit in una discarica autorizzata nel comasco, il mezzo pesante era rientrato in ditta per stoccarlo illegalmente in un capannone. Denunciate quattro persone

Amianto

Avevano trasportato irregolarmente e poi accantonato all'interno di un'azienda un camion carico di amianto proveniente dalla demolizione del tetto di un capannone nel reggiano. Per tale ragione, i carabinieri di Modena hanno denunciato a piede libero il titolare, il direttore tecnico e due camionisti di un’impresa modenese impegnata nel settore delle demolizioni con l'accusa di gestione illecita di rifiuti speciali pericolosi in concorso.

Come previsto dalla normativa di settore, i rifiuti, in questo caso 100 metri quadri di pannelli in eternit, avrebbero dovuto seguire tutt’altro percorso per tutt’altra destinazione, una discarica autorizzata nel comasco. Effettuando un mirato servizio di appostamento, i militari dell’Arma hanno però accertato che il camion con i rifiuti era rientrato in azienda anziché dirigersi verso la provincia lariana. Bloccati immediatamente i due trasportatori e l’attività aziendale, i Carabinieri hanno peraltro scoperto che il mezzo - uno “Scania 270” furgonato - aveva viaggiato senza la documentazione prevista per i rifiuti pericolosi, procedendo pertanto al sequestro del veicolo e del carico.

Al momento, l’ipotesi più probabile in merito ai fatti è quella che l’azienda adottasse tale condotta per risparmiare sui costi di trasporto in discarica. Difatti, accantonando a più riprese varie partite di amianto, per poi organizzare dei trasporti cumulativi verso la discarica, è possibile abbattere notevolmente i costi di molteplici viaggi a discapito, però, della sicurezza e della salute pubblica ed in violazione della ratio delle norme di tutela. Com’è noto, i materiali in eternit sprigionano la loro tossicità dopo la demolizione; proprio per questo la Legge ne dispone il trasporto immediato e per le vie più brevi in discarica, vietando tappe intermedie che non siano espressamente autorizzate. A maggior ragione se questi accantonamenti intermedi avvengono - come nel caso di specie - all’interno di un centro abitato. Nel frattempo, letti gli atti dei militari dell’Arma, la Procura della Repubblica di Modena ha già convalidato il sequestro, emesso un’informazione di garanzia per i denunciati ed attivato le procedure per lo smaltimento controllato dell’amianto.     

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina all'Eurospin, all'ospedale un dipendente colpito con un fucile

  • Tragedia al parco Amendola, si allontana dalla casa di riposo e annega nel lago

  • Fermata e denunciata per guida in stato di ebbrezza, chiama la sorella ma è alticcia pure lei

  • Al supermercarto con il contenitore per alimenti portato da casa, a Modena si sperimenta

  • Assalto armato al portavalori, guardie rapinate all'uscita del Grandemilia

  • Frontale fra auto e camion, 26enne muore sulla Panaria Bassa

Torna su
ModenaToday è in caricamento