rotate-mobile
Cronaca

Annalisa Vandelli, reporter modenese vince premio per carriera

La reporter sassuolese Annalisa Vandelli ha ricevuto il Premio Nazionale Mediterraneo 2014 dopo anni passati a documentare territori martoriati dalle guerre, dalla povertà e da realtà lontane da noi

In tempi difficili come questo essere giornalisti non è solo un lavoro, ma una missione. Lo ha dimostrato Annalisa Vandelli, reporter modenese, che ha ricevuto, presso l'Arena Spettacoli del Rione Zevi di Salereno, il Premio Nazionale Mediterraneo 2014. Il riconoscimento si rifà all'Associazione Bruno Zevi, che ogni anno corona l'attività di personaggi della società civile, giornalisti ed artisti che si contraddistinguono nel campo dello spettacolo, della cultura e dell'arte, nel panorama nazionale ed internazionale. 

ANNALISA VANDELLI, UNA REPORTER CON LA R MAIUSCOLA. Nata a Sassuolo nel 1972, ha lavorato per diversi giornali, radio, tv e uffici stampa, superando molti ostacoli, primo fra tutti quello dell'affermarsi nel giornalismo italiano, che oggi soffre a causa della crisi dell'editoriale. Attraverso l'esperienza come reporter freelance per il Ministero degli Affari Esteri e per importanti pubblicazioni nazionali ed internazionali, ha potuto girare il mondo e conoscere realtà lontane dalla nostra quotidianità. Ha documentato situazioni di emergenza in Nicaragua, Guatemala, Territori Palestinesi, Pakistan, Etiopia, Tunisia, Egitto, Albania e Libano. Aveva già vinto in passato alcuni premi come il riconoscimento internazionale Profilo Donna 2012 e il premio letterario "Albero Andronico". Ha pubblicato "Scritto sull'Acqua" con il fotoreporter Uliano Lucas e ha diretto due riviste: "Afro" rivista abruzzese e "Il Barrito" con sede a Scampia (Napoli). 

VANDELLI: "SONO ONORATA, SONO STATI ANNI DI LENTA COSTRUZIONE". Alla notizia dell'assegnazione del Premio Mediterraneo  Annalisa Vandelli  ha commentato: "Mi sento profondamente onorata e grata. Sono stati anni di lenta costruzione. E chi mi ha formata sono le esperienze e le persone incontrate. Percio' non trovo migliore occasione per ringraziare chi mi e' stato vicino da vicino e chi mi sta vicino da lontano. Ho avuto la fortuna di avere grandi maestri, ma soprattutto il bene di amici preziosi. Questo premio e' dunque da spartire, ma si dilata a dismisura con questo orgoglio  condiviso ".

PIGONI: "VANDELLI, UNA DONNA DI CORAGGIO". “Un riconoscimento più che mai meritato - ha commentato l'Assessore alla Cultura, Giulia Pigoni - che va a premiare una straordinaria professionista ed al tempo stesso una donna coraggiosa ed appassionata, oltre che a dare lustro ed orgoglio alla nostra città. Annalisa ha deciso di mettersi in gioco  abbandonando le comodità della nostra realtà e la sicurezza di prestigiosi incarichi anche nazionali per abbracciare la professione di freelance e seguire con un coraggio straordinario ciò che la curiosità, la passione ma soprattutto la sua eccezionale sensibilità la invitava a raccontare. Ci ha regalato splendidi reportage e documenti fondamentali per il Ministero degli esteri portando con sé negli angoli più “caldi” del mondo il nome di una Sassuolo aperta, sensibile e solidale”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Annalisa Vandelli, reporter modenese vince premio per carriera

ModenaToday è in caricamento