rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Cronaca Spilamberto / Via per Sassuolo

Vignola: 94enne spara a badante, legali chiedono perizia psichiatrica

I difensori Enrico Aimi e Massimo Simonini chiederanno una perizia psichiatrica "per verificare se in quelle ore Franchini fosse o meno capace di intendere e volere"

Confuso, disorietanto, incapace di fornire una spiegazione per quanto accaduto. Versa in questo stato il 94enne Lino Franchini, protagonista della sparatoria che ha avuto luogo ieri sera a Vignola all'interno del suo appartamento in via per Sassuolo. I difensori, Enrico Aimi e Massimo Simonini, hanno annunciato che in sede di convalida dell'arresto chiederanno una perizia psichiatrica "per verificare se in quelle ore Franchini fosse o meno capace di intendere e volere".

"Non riesco a capire cosa sia successo, è stata una disgrazia, se avessi capito e potessi tornare indietro non lo rifarei", ha detto l'ultranovantenne. Le indagini puntano a chiarire se Franchini avesse avuto in passato altri episodi in cui era mancato di lucidità o si era mostrato pericoloso. L'allarme per la sparatoria, nella tarda serata, era stato dato da altri inquilini della palazzina dove abitano il 94enne e la famiglia della badante marocchina, che da una decina di giorni stava sostituendo un'altra assistente del pensionato. I carabinieri del Nucleo operativo sono riusciti ad evacuarla e si era temuto anche per il bimbo della badante magrebina, di soli nove mesi, ma il piccolo non ha corso pericoli grazie al rapido intervento dei militari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vignola: 94enne spara a badante, legali chiedono perizia psichiatrica

ModenaToday è in caricamento