Appennino: steso il documento per la riqualificazione degli impianti

L'Appennino emiliano, in particolare Cimone e Abetone, risentono di crisi e concorrenza tanto che, se non arriveranno gli aiuti sperati, si dovrà cominciare a chiudere le piste. Quattrini: "Non vogliamo solo soldi"

La presentazione del documento

L’esigenza di rilanciare gli impianti sciistici dell’Appennino emiliano è di grande importanza, anche nelle nostre zone, a causa della crisi economica che ha ridotto le possibilità di utenza e della concorrenza offerta dall’arco alpino, specialmente dalle Dolomiti, che può offrire sia dal punto di vista ambientale e panoramico, sia dal punto di vista sciistico, il meglio che si possa trovare al mondo. Di conseguenza per Cimone e Abetone il compito è doppiamente arduo: non solo c’è da affrontare il problema uguale per tutti della crisi, ma è necessario anche offrire sempre il servizio migliore possibile per poter fronteggiare la concorrenza ‘scomoda’ delle Alpi.

I costi di mantenimento e manutenzione degli impianti sono altissimi, soprattutto per quanto riguarda il gasolio consumato dalle macchine che ogni sera battono le piste, l’energia per il funzionamento degli impianti di risalita e la preparazione delle piste, e attualmente la possibilità economica non esiste, essendo dovuti di recente intervenire sull’ammodernamento degli impianti. Per questo gli assessori al Turismo delle Province di Modena, Reggio Emilia, Bologna, Parma e Piacenza, i rappresentanti dell’Associazione nazionale esercenti funiviari e dei consorzi sciistici hanno stabilito un’Intesa di programma alla quale si cerca di lavorare congiuntamente per la riqualificazione dell’Appennino.

Le strategie elaborate da questo documento sono varie: la costituzione di una società in house della Regione che abbia in affidamento la realizzazione e gestione di impianti; l’estensione del circuito skipass ad una dimensione regionale e addirittura interregionale con la vicina Toscana; il maggiore coordinamento delle azioni tra operatori pubblici e privati per un miglior posizionamento sul mercato; la messa in sicurezza degli impianti e la conversione all’estivo quando, allo sci, si possono sostituire la mountain bike e le passeggiate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Di grande importanza, come ha sottolineato Quattrini dell’Anef, è che si cominci a intendere l’impianto sciistico come primo elemento di richiamo del turismo e che quindi tutti gli esercizi (alberghi, negozi ecc.) e il contesto circostante collaborino. In questo senso, secondo il Sindaco di Sestola Bonucchi, tutto il contesto andrebbe riprogrammato: “I servizi collaterali vanno curati; da Modena c’è un’autostrada che porta alle piste del Trentino e una stradina degli anni ’60 che porta al Cimone”. Per poter fronteggiare tutte queste problematiche però è necessario che comincino ad arrivare gli aiuti economici sperati, nel frattempo dice Calvetti: “Dobbiamo tenere duro e non possiamo sottrarci al nostro lavoro nonostante il clima sia avverso e nonostante le spese. Dobbiamo continuare a darci da fare augurandoci solo che gli aiuti arrivino il prima possibile”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo amore per Nicoletta Mantovani, la vedova Pavarotti sposa a settembre

  • Incidente in via Pancaldi, non ce l'ha fatta lo scooterista di 55 anni

  • Coronavirus, 39 nuovi casi positivi in regione: 10 sono a Modena

  • Coronavirus, 69 nuovi casi in regione. La metà tra Bologna e Reggio Emilia

  • Coronavirus. Tampone obbligatorio per chi rientra da Spagna, Grecia, Croazia e Malta

  • Covid, famiglie e imprese dovranno segnalare i rientri dall'estero. Poi quarantena in hotel

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento