Cronaca

Arianna e Fabio, due fumettisti modenesi protagonisti della Biennale d'arte per Expo

Saranno ben due i giovani artisti modenesi chiamati a presentare le loro opere alla Biennale di Expo. I due fumettisti affronteranno i problemi della modernità, Arianna si concentrerà sul picacismo, mentre Fabio sulla nostalgia del quotidiano

 Tra i 17 giovani artisti che parteciperanno con le loro opere alla Biennale per Expo a Milano ci sono anche 2 giovani fumettisti modenesi, Arianna Farricella di 24 anni e Fabio Bonetti di 34 anni. I due fumettisti selezionati  direttamente dal settore Politiche giovanili della città di Bologna, a seguito della loro precedente partecipazione a Bilboulbul potranno esporre presso la Fabbrica del Vapore dal 22 Ottobre al 22 Novembre. 
 
IL PICACISMO RITRATTO DA ARIANNA, IL DISTURBO DI INGERIRE MATERIALI NON COMMESTIBILI. Arianna Farricella, presenterà 4 tavole ispirate alla ricerca fotografica di Sophie Calle, The color Diet, e al picacismo: un particolare disturbo ossessivo che consiste nell’ingestione di materiali non commestibili. Nei disegni di Farricella queste due componenti si esprimono in senso parossistico, portando all’esasperazione i contenuti del racconto: la protagonista viene ritratta nell’atto di spiegare la sua arte ad una giornalista che resta impassibile di fronte all’esplicazione di ciò che non è solo un processo estremo di rielaborazione dell’arte, quello, appunto, dell’ingestione dei colori e del successivo imbrattare la tela con i propri rigurgiti, ma una vera e propria malattia.

 
FABIO RACCONTA LA QUOTIDIANITA', IN FUMETTO DOVE SI INCONTRANO NOVITA' E NOSTALGIA.  Fabio Bonetti, anch’esso selezionato a seguito delle sue diverse partecipazioni a Bilbolbul, presenterà 4 tavole rieditate da una precedente pubblicazione per il collettivo bolognese Ernestvirgola. Il suo fumetto è un monologo interiore che ritrae il percorso di un anziano intento a vagare per la città dialogando con un ignoto interlocutore su tematiche quali cibo, quotidianità e rapporto con la tecnologia. Le tavole rispecchiano quello che è il lavoro di Bonetti che prende sempre a protagonista un personaggio attempato principale che tinge la storia visiva di toni nostalgici usando, inoltre, un linguaggio ridotto all’essenziale, spesso sgrammaticato, che riprende il parlato di uso comune per giungere a una particolare capacità di sintesi e analisi propria, secondo l’autore, degli anziani. La scelta stilistica dei testi s’ispira ad autori emiliani quali Ugo Cornia, Ermanno Cavazzoni, Raffaello Baldini.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arianna e Fabio, due fumettisti modenesi protagonisti della Biennale d'arte per Expo

ModenaToday è in caricamento