Un'arma chimica nella borsetta, prostituta denunciata dalla polizia

Una giovane donna è stata trovata in possesso di una bomboletta contenente gas lacrimogeno "Cs" importata dagli Stati Uniti d'America. La scoperta è stata fatta ieri sera nell'ambito di un servizio antiprostituzione

Controlli della polizia

È stata trovata in possesso di una bomboletta non di semplice spray urticante, ma di un gas lacrimogeno "Cs" importato dagli Stati Uniti classificato a tutti gli effetti come arma chimica. Questa la scoperta che hanno fatto ieri sera gli operatori della polizia di stato in un servizio antiprostituzione condotto nelle zone limitrofi il centro storico, in via Emilia Ovest e a Marzaglia. La giovane donna, di nazionalità romena, è stata denunciata. Durante la serata, venti persone sono state sottoposte a verifiche dagli agenti, di cui nove poi portate in questura per ulteriori accertamenti. Un'ulteriore denuncia oltre a quella per il possesso del gas, ritenuto a tutti gli effetti un'arma chimica, è scattata nei confronti della nigeriana, risultata irregolare sul territorio nazionale e senza alcun documento di identità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna in zona gialla da domenica: Bonaccini: "No al coprifuoco natalizio"

  • Dpcm Natale 2020, approvato il decreto che vieta gli spostamenti tra regioni e comuni

  • Coronavirus. In regione il 13,8% dei tamponi è positivo. Modena resta la peggiore per nuovi contagi

  • Covid a Modena: scendono rispetto a ieri i nuovi casi. Ancora 11 i decessi

  • Prodotti "non essenziali" accessibili ai clienti, multe per due ipermercati

  • Conferma dal Ministero, l'Emilia-Romagna torna in "zona gialla"

Torna su
ModenaToday è in caricamento