rotate-mobile
Martedì, 5 Luglio 2022
Cronaca Via Emilia Centro

Spacciatore riattiva la "rete" del fratello arrestato, preso a sua volta

Bloccato dai Falchi della Municipale anche il fratello del grossista della droga finito in manette dieci giorni fa: cercava di sostituirlo nello spaccio in centro storico

Poco più di una settimana fa era toccato al fratello. Ieri, giovedì 8 ottobre, le manette della Polizia municipale di Modena sono scattate anche per lui, un tunisino 26enne, per di più fermato per lo stesso reato: spaccio di sostanze stupefacenti. Del fratello maggiore già agli arresti, un grossista della droga quarantenne che approvvigionava una serie di piccoli spacciatori e una rete di galoppini, il 26enne (C.M. le iniziali) era riuscito a riattivare il numero telefonico e a recuperare la lista dei clienti: evidentemente stava tentando di sostituirsi in tutto e per tutto a lui nel mercato della droga, ma gli è andata male.

A stroncare la sua carriera criminale sono stati i Falchi della Municipale, cioè gli agenti motorizzati del Nucleo problematiche del territorio che, in borghese, pattugliano la città prestando particolare attenzione a fenomeni di degrado e soprattutto di spaccio a cui sono spesso collegati anche altri episodi di microcriminalità. Proprio verso le 18 di giovedì la pattuglia è stata insospettita dal modo in cui il magrebino si era brevemente intrattenuto con un giovane italiano in via Emilia centro, per poi allontanarsi in bicicletta, e ha deciso di controllarlo. Il giovane straniero ha quindi tentato la fuga ma è stato in breve bloccato dagli agenti motociclisti in via del Voltone.

Al magrebino, risultato clandestino sul territorio italiano e con piccoli precedenti, non è rimasta altra possibilità che consegnare la droga di cui era in possesso, una quindicina di stecche di hashish pronte per la vendita, pari complessivamente a oltre 55 grammi, oltre a denaro contante per circa 400 euro e due telefoni cellulari che servivano a tenere i contatti con i giovani clienti frequentatori del centro che era solito rifornire. Come il diciottenne a cui sono riusciti a risalire gli agenti e che non ha negato di essere un cliente abituale del tunisino. Nella mattina di venerdì 9 ottobre il processo per direttissima: C.M. ha patteggiato e ottenuto una condanna a 8 mesi di reclusione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spacciatore riattiva la "rete" del fratello arrestato, preso a sua volta

ModenaToday è in caricamento