menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Blitz della Polizia in casa di due trafficanti, sequestrati 44,5 chili di droga

Quattro arresti tra Vignola e Spilamberto: due albanesi e due giovani moldave. Recuperati anche 163mila euro

Il 30 marzo scorso, la Polizia di Stato di Modena ha arrestato due cittadini albanesi, irregolari sul territorio nazionale, e due ventenni moldave per il reato di detenzione ai fini di traffico di sostanze stupefacenti in concorso fra loro.  L'operazione è nata dopo  numerose segnalazioni relative ad uno strano movimento di persone e ad una presunta attività di spaccio a Vignola.

La Squadra Mobile della Questura ha predisposto una serie di servizi mirati, che hanno permesso di restringere il campo di azione e di individuare in un’abitazione della periferia cittadina, dimora di uno dei due albanesi e della compagna moldava, la base logistica dell’attività illecita.

VIDEO | Quasi 45 chili di droga per oltre 1milione e mezzo di euro. Blitz della Polizia 

I sospetti degli investigatori hanno avuto conferma martedì scorso, quando è avvenuto un blitz "chirurgico": all’interno dell’abitazione, dove al momento della perquisizione si trovavano le ragazze, raggiunte successivamente dai due albanesi, sono stati rinvenuti nascosti nei cassonetti delle tapparelle 6,5 kg di cocaina e 2.500 euro in contanti. Con l’ausilio dell’unità cinofila della Polizia Locale sono stati recuperati altri 38 kg di hashish, occultati in un borsone da viaggio, impacchettati e pronti per la distribuzione all’ingrosso.

Ritenendo che anche l’altro albanese potesse nascondere droga e denaro, frutto dell’attività delittuosa, gli agenti hanno sottoposto a perquisizione anche il suo appartamento,a Spilamberto, dove è stata trovata e sequestrata la somma di 161.000 euro, suddivisa in pacchetti termosaldati da 10.000 euro ciascuno, oltre a bilancini di precisione e diverso materiale atto al confezionamento di sostanza stupefacente.

Al termine delle incombenze di rito, i quattro indagati sono stati condotti al Sant'Anna su disposizione dell’Autorità Giudiziaria procedente, in attesa della celebrazione dell’udienza di convalida all’esito della quale il G.I.P. del Tribunale di Modena ha disposto la misura della custodia cautelare in carcere per i due uomini e la liberazione delle due donne.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ferrari, a maggio apre il ristorante Cavallino di Maranello

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento