rotate-mobile
Cronaca

Tre ricercati arrestati dai Carabinieri nelle ultime ore tra Modena, Serramazzoni e Castelfranco

Eseguiti due provvedimenti restrittivi e un terzo arresto dovuto ad un controllo a seguito del quale uno straniero ha opposto resistenza

ISCRIVITI AL CANALE WHATSAPP DI MODENATODAY

I Carabinieri di Modena sono stati impegnati nei giorni scorsi nel territorio della Provincia per il rintraccio e la cattura di individui destinatari di provvedimenti restrittivi emessi dall’Autorità Giudiziaria.

A Serramazzoni i militari hanno assicurato alla giustizia un uomo di 60 anni, originario del foggiano, poiché destinatario di un ordine di esecuzione pene emesso nel febbraio del 2024 dalla Corte di Appello di Bologna. L’interessato, che è stato associato al carcere di Modena, ha sofferto un cumulo di pene poiché condannato per delitti commessi a Modena e Carpi negli anni 2002, 2006, 2015 e 2016 in materia di truffa, ricettazione, insolvenza fraudolenta e violazione degli obblighi di assistenza familiare. L'uomo dovrà scontare 4 anni e 9 mesi di carcerazione.

In forza di provvedimento della medesima Corte di Appello, è stato rintracciato e arrestato un 40enne di origine marocchina residente a Castelfranco Emilia, ma di fatto irreperibile da tempo, localizzato grazie ad accertamenti di polizia giudiziaria. L’uomo, associato anch’esso al carcere di Modena, è stato condannato ad espiare 4 anni e 6 mesi di detenzione carceraria a seguito di condanne patite per reati di furto e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, tutti commessi nel circondario di Castelfranco Emilia negli anni che vanno dal 2003 al 2017

La scorsa notte, invece, i Carabinieri della Sezione Radiomobile di Modena hanno proceduto al controllo di un uomo 46enne originario del Marocco. Per eludere l’identificazione lo straniero ha cercato la fuga dopo aver scagliato addosso ai militari la sua bicicletta. Vinta la sua resistenza, i militari lo hanno identificato e condotto in caserma per gli ulteriori accertamenti. E’ così emerso che l’interessato, sottoposto ad obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e con divieto di dimora in Modena e provincia, risultava destinatario di un’ordinanza di aggravamento di misura coercitiva, emessa dal Tribunale di Modena il 1 marzo su richiesta della Procura della Repubblica, in aggravamento degli obblighi cui era sottoposto, per le reiterate violazioni degli stessi.

Per questo motivo il magrebino, dopo la notifica del provvedimento, è stato tradotto al carcere di Modena Sant’Anna. Sul suo conto è stata altresì inoltrata denuncia in stato di libertà per resistenza a Pubblico Ufficiale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre ricercati arrestati dai Carabinieri nelle ultime ore tra Modena, Serramazzoni e Castelfranco

ModenaToday è in caricamento