rotate-mobile
Cronaca

Donne maltrattate, in una settimana tre provvedimenti contro uomini violenti

Due arresti in carcere e un allontanamento da casa eseguiti dai Carabinieri su tre differenti ma analoghe situazioni di violenza domestica

ISCRIVITI AL CANALE WHATSAPP DI MODENATODAY

I maltrattamenti e le violenze domestiche continuano ad essere una piaga "silenziosa" per il territorio modenese, che assorbe grande parte delle energie delle forze dell'ordine, quotidianamente chiamate ad intervenire su liti famigliari che spesso nascondo un retroterra di abusi e prevaricazioni, difficili da far emergere. Anche nell'ultima settimana i Carabinieri hanno eseguito tre provvedimenti emessi dall’Autorità Giudiziaria in tema di Codice Rosso.

I Carabinieri della Stazione di Modena San Damaso hanno eseguito un provvedimento di allontanamento dalla casa familiare e divieto di avvicinamento alla persona offesa, nei confronti di un 30enne che per anni avrebbe sarebbe stato protagonista di minacce, lesioni, percosse e molestie in danno della sua convivente, costretta a vivere un regime di vita intollerabile e un profondo stato di sofferenze, ansia e paura.

Gli abusi dell’uomo sarebbero stati molteplici e tutti gravi: dalla minaccia di ucciderla e di sfregiarle il volto con l’acido, fino ad aggressioni fisiche con strette al collo, schiaffi, strappo di ciocche di capelli e costrizioni ad assumere droghe filmandola a fini di ricatto. L’uomo, le cui violenze hanno indotto talvolta la vittima a ricorrere alle cure del pronto soccorso, avrebbe commesso i reati spesso alterato da massicce assunzioni di sostanze stupefacenti.

Ad un 26enne è stata invece applicata dal giudice la misura cautelare personale della custodia in carcere, eseguita dai Carabinieri di Finale Emilia, per aver maltrattato la moglie con una serie di atti lesivi dell’integrità fisica, della libertà e del decoro con condotte di sopraffazione sistematiche e programmate in modo tale da renderle la vita e l’esistenza particolarmente dolorose.

Il giovane, incline a frequenti e violenti scatti d’ira, era anche solito controllare giornalmente il telefono della moglie per monitorare suoi contatti: l'avrebbe anche pesantemente minacciata per costringerla a
ritirare le denunce da questa presentate e un ricorso per separazione giudiziale, inducendola a comunicare una falsa riconciliazione per evitare pesanti ritorsioni. Da ultimo l'avrebbe costretta con la forza e la violenza a patire violenza sessuale.

I Carabinieri della Compagnia di Carpi hanno tratto in arresto un 40enne che, già condannato nel 2020 per maltrattamenti nei confronti della ex compagna, aveva ripreso le condotte vessatorie e persecutorie nei confronti dell'ex, in particolare inviandole continue telefonate e messaggi, minacciandola ripetutamente di morte, seguendola sul posto di lavoro e pedinandola fino all’abitazione per cercare di entrare nell’appartamento bussando insistentemente alla porta.

In una occasione, a insaputa della vittima, aveva cercato di prelevare da scuola la figlia minore della donna, non riuscendo nel suo intento perché privo di autorizzazione e perché la bambina era fortunatamente già uscita con la zia. Le ulteriori segnalazioni all’Autorità Giudiziaria hanno consentito di emettere un provvedimento restrittivo di custodia cautelare in carcere.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donne maltrattate, in una settimana tre provvedimenti contro uomini violenti

ModenaToday è in caricamento