rotate-mobile
Cronaca

Truffe in serie agli anziani, sgominate tre "batterie" di ladri

Sono ben 64 i colpi censiti dall'Arma di Bologna, che ha condotto l'indagine. Tre messi a segno nel modenese

64 gli episodi contestati a tre batterie di esperti truffatori di anziani, 10 misure cautelari e 16 indagati, tra i quali due donne. E' l'esito di un'indagine dei Carabinieri dei Nuclei operativo e investigativo del comando provinciale di Bologna che ha ha avuto inizio dalla denuncia di una donna 95enne a Marzabotto (BO=, derubata di 3.880 euro a gennaio del 2021. 

Gli arrestati, tra i 20 e i 46 anni, dovranno rispondere di associazione a delinquere, ricettazione, truffa, auto riciclaggio e anche, in un caso, di traffico di stupefacenti. 4 misure sono state già eseguite, mentre altri sei soggetti sono ricercati. 

Un risultato possibile "grazie a due elementi: la capillarità dell'Arma e la tempestività dell'autorità giudiziaria bolognese che ha accolto le nostre richieste", ha sottolineato in conferenza stampa il tenente colonnello Giovanni Russo, che guida il nucleo operativo bolognese, anche se in fase di giudizio la competenza sarà demandata al tribunale di Napoli, città di origine di indagati e arrestati. 

I "colpi" messi a segno 

Anche se potrebbero essere molti di più per un acclarata reticenza delle vittime a denunciare, sono stati contestati 64 episodi di truffa in quasi tutte le regioni italiane: 17 in Emilia-Romagna, 9 a Bologna e provincia, 3 a Modena, 2 a Ferrara, 2 a Parma e 1 a Ravenna. E poi 6 in Toscana, 11 in Lombardia, 2 in Umbria, 2 in Basilicata, 1 in Campania, 5 in Piemonte, 1 in Sardegna, 9 in Veneto, 5 in Abruzzo, 3 nelle Marche e 1 in Friuli Venezia Giulia. 

"Le vittime spesso non raccontano i fatti per vergogna - ha detto ai cronisti il maggiore Giuseppe Nardò, capo del nucleo investigativo - spesso siamo noi a chiamarle per convincerle a sporgere denuncia, ascoltare una persona anziana derubata degli ori di famiglia, tocca profondamente, senza contare che il valore dell'oro è spesso più altro della cifra richiesta". 

Il modus operandi: un vero e proprio "call center"

La tecnica è ormai nota: si tratta del raggiro della "cauzione" che, come ribadiscono ancora una volta i carabinieri "in Italia non è prevista".

I truffatori, che utilizzavano schede telefoniche intestate a prestanome, noleggiavano o prenotavano i mezzi per raggiungere la città-obiettivo e prenotavano un B&B. 

Quindi la telefonata sulla linea fissa alla vittima da parte di un sedicente avvocato per comunicare che un parente era stato arrestato e quindi la richiesta di una somma in contanti o in oro - 3-4 mila euro - per poterlo rimettere in libertà: "Per verificare può chiamare il 112", dicevano ai malcapitati. Non interrompendo la comunicazione, infatti, alla chiamata rispondeva l'ennesimo truffatore che si fingeva maresciallo. 

"Pesare l'oro"

Quando le vittime non riuscivano a reperire i contanti, i malviventi si "accontentavano" anche di ori e preziosi che chiedevano di pesare per due motivi, fa notare l'Arma: "Per raggiungere la somma richiesta, ma anche perché i capi dell'organizzazione non venisse, a sua volta, ingannato dall'emissario".

La refurtiva veniva in primo momento riportata nel capoluogo campano, ma a seguito di due controlli avvenuti in Toscana, l'oro veniva venduto immediatamente e il valore versato su diverse prepagate, sempre intestate a prestanome. 

(fonte BolognaToday.it)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffe in serie agli anziani, sgominate tre "batterie" di ladri

ModenaToday è in caricamento