Fa irruzione al Pronto Soccorso e picchia la moglie in attesa di cure, arrestato

E' accaduto la scorsa notte a Mirandola, dopo che una 43enne si era recata in ospedale a seguito di una lite domestica. Il marito coetaneo l'ha aggredita di fronte al personale sanitario prima di essere bloccato dai Carabinieri

La scorsa notte i Carabinieri della stazione di San Martino Spino sono intervenuti presso il Pronto Soccorso dell'Ospedale di Mirandola, dove il personale aveva segnalato l'arrivo di un uomo che se l'era presa con la propria moglie in sala d'attesa, colpendola con calci e pugni. La vicenda era iniziata già nel corso della prima serata, con due chiamate precedenti ai Carabinieri da parte di persone che segnalavano una lite in famiglia nella casa della coppia.

Il primo allarme era rientrato, mentre il secondo aveva visto l'intervento dei militari su richiesta della madre della donna - una 43enne operaia - che segnalava l'atteggiamento violento del genero. Intorno alle 21 gli uomini dell'Arma avevano placato gli animi e cercato di stemperare la tensione, riuscendo apparentemente a ricomporre il dissidio fra i due coniugi, vissuto anche dai due figli adolescenti.

Qualche ora dopo la situazione è però degenerata. La moglie si è recata presso il Pronto Soccorso con l'intenzione di farsi medicare alcune ferite lievi riportate durante la lite, ma il marito non ha accettato questa scelta, consapevole che un referto medico sarebbe di fatto equivalso ad una denuncia di quanto accaduto fra le mura domestiche. Per questo, intorno all'una di notte, ha raggiunto a sua volta l'ospedale e non ha esitato a colpire la coniuge, procurandole diverse contusioni poi giudicate guaribili in 15 giorni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Così, i Carabinieri hanno fermato il 43enne - originario di Roma e pregiudicato per rapina e lesioni personali - e lo hanno accompagnato in caserma per ricostruire l'accaduto. Dalle indagini sono emersi altri episodi di violenza domestica, cosa che ha fatto optare il magistrato di turno per l'arresto dell'uomo con l'accusa di maltrattamenti in famiglia. Ora si trova ristretto in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in via Pancaldi, non ce l'ha fatta lo scooterista di 55 anni

  • Coronavirus, 39 nuovi casi positivi in regione: 10 sono a Modena

  • Coronavirus, 69 nuovi casi in regione. La metà tra Bologna e Reggio Emilia

  • Covid, famiglie e imprese dovranno segnalare i rientri dall'estero. Poi quarantena in hotel

  • Assalto al distributore Coop del Grandemilia, colonnine divelte con una ruspa

  • Nuovo amore per Nicoletta Mantovani, la vedova Pavarotti sposta a settembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento