menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Droga e vestiti rubati, sgominato il traffico di un criminale ai domiciliari

Operazione congiunta di Polizia e Municipale, dopo le segnalazione dei residenti di via Formigina a Modena. Uno straniero ai domiciliari per spaccio nascondeva hashish e refurtiva. Arrestato un compratore in Tangenziale dopo un inseguimento

Era stato arrestato dalla Polizia Municipale per spaccio di droga lo scorso aprile, ma continuava a gestire i propri affari criminali dall'appartamento di via Formigina dove era costretto ai domiciliari. E' la storia di A.A.A., marocchino di 42 anni, al centro dell'operazione condotta ieri da agenti della Polizia di Stato e della stessa Municipale, dopo una serie di segnalazioni ricevute dai cittadini residenti in zona e appostamenti mirati.

Nella tarda serata di ieri le forze dell'ordine hanno notato un'auto sospetta raggiungere lo stabile: a bordo una famiglia di marocchini. Il padre, sceso dall'auto, ha preso contatti telefonici ed è salito al piano dove risiedeva il connazionale agli arresti. Poco dopo ne è sceso con un sacchetto ed è ripartito con la propria auto.

La Polizia lo ha seguito ed è riuscito a fermarlo soltanto dopo un inseguimento, in Tangenziale. Alla guida dell'auto la Municipale ha così identificato R.M. del '76, con la moglie e due figli di pochi mesi sul sedile posteriore, per lasciare spazio davanti all'involucro sospetto: panetti di hashish dal peso di quasi 4 Kg, acquistati poco prima. 

Mentre il nordafricano è stato arrestato e condotto in Questura, altri agenti hanno avviato la perquisizione nell'appartamento di via Formigina, svelando il traffico di droga che il detenuto continuava a gestire. In casa sono stati rinvenuti altri 4 Kg della stessa partita di droga, oltre a molti telefoni per gestire i contatti con fornitori e acquirenti, nonché ben 15mila euro in contanti.

Ma non solo. Per la ben nota necessità di diversificazione degli investimenti, il marocchino aveva deciso di intraprendere anche la carriera di ladro. Nelle due auto a disposizione della sua famiglia nei garage, la Polizia ha infatti trovato una grande quantità di vestiti, accessori, scarpe e profumi, tutti quanti rubati nei centri commerciali. Si tratta di capi d'abbigliamento anche costosi, con ancora i sistemi antitaccheggio o asportati grazie all'uso di una borsa schermata, per un totale di alcune decine di migliaia di euro di valore, probabilmente destinati alla spedizione nel suo paese di origine. 

Una volta scoperto, il magrebino ha dato in escandescenza, gettandosi con la testa contro una porta a vetri della casa e infrangendola. L'intervento degli agenti ha permesso di evitare scenari e lesioni peggiori. Sono ora in corso gli accertamenti per ricostruire la mappa dei furti, ma anche per risalire alla fonte delle partite di stupefacenti

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento