Ai domiciliari per tentato omicidio, arrestato dopo due evasioni

Un 62enne originario di Potenza stava scontando la pena a Modena presso i parenti, ma è stato sorpreso fuori casa: ora si trova in carcere

Dal 18 luglio scorso un 62enne di Potenza si trovava agli arresti domiciliari in Modena per avere, al culmine di una serie di atti persecutori, cercato di uccidere la vittima della sua ossessione, un altro potentino 40enne, accoltellandolo il 21 giugno 2019 a Senise dentro ad un bar. Il giudice aveva disposto l'opportunità di scontare la pena lontano dai luoghi dei crimini contestati, così l'uomo era stato ospitato dalla sorella che abita a Modena

Tuttavia, il 62enne era già stato denunciato il 30 luglio per essersi allontanato dall’abitazione in cui era ristretto, ritornandovi però pochi minuti dopo l’arrivo dei militari giunti per un controllo: il giudice aveva ritenuto il fatto episodico e di lieve entità. Ulteriore segnalazione di evasione era stata poi annotata dai militari il 10 agosto scorso, quando l’uomo non era stato trovato presso il domicilio e, rientrato solo dopo essere stato contattato telefonicamente dal cognato, aveva dichiarato di “non poter rimanere sempre a casa”.

Questa volta il GIP del Tribunale di Lagonegro (PZ), competente per la vicenda, ha disposto che l’uomo fosse nuovamente arrestato e portato in carcere. I Carabinieri della stazione di viale Tassoni hanno eseguito ieri l'ordinanza di carcerazione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In balia della corrente sul materassino, due ragazzi modenesi salvati in Salento

  • Turista multato per l'accesso in Ztl, arriva alla Municipale un assegno dalle Hawaii

  • Salta la cassa con una tv sotto braccio, stroncata sul nascere l'impresa impossibile di un 31enne

  • Esce di strada con l'auto, morto un 59enne a Manzolino

  • L'ex compagno di classe saluta la sua ragazza, lui lo colpisce con una testata

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

Torna su
ModenaToday è in caricamento