menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapina un connazionale, rientra a casa e picchia la moglie. Ora è in carcere

In cella un cittadino marocchino protagonista di un doppio violento episodio a Finale Emilia. Dopo il primo arresto aveva violato ripetutamente l'obbligo di firma

E' finito in carcere un cittadino marocchino di 54 anni, nei confronti del quale era stata emessa un'ordinanza di custodia cautelare dal Tribunale di Modena a seguito della ripetuta violazione di un'altra misura, l'obbligo di firma. Il nordafricano, residente a Finale Emilia, si era infatti macchiato di un duplice reato che gli era valso il primo provvedimento da parte del giudice.

I fatti risalgono all'11 dicembre scorso, quando intorno alle ore 3 i Carabinieri di Finale lo avevano bloccato a seguito di rapina e maltrattamenti in famiglia. Quella sera lo straniero, dopo aver minacciato con una pistola a salve un connazionale 33enne, si è impossessato di 20 euro che questi aveva con sè Successivamente l’uomo, dopo essere rincasato ed essere stato “rimproverato” dalla moglie, aveva percosso la donna colpendola con le mani e con il calcio della pistola, costringendola ad essere medicata al Pronto Soccorso (prognosi di 10 giorni).

Il 54enne ha però ignorato più volte l'obbligo di presentarsi in caserma, portando così ad un aggravemento della misura cautelare. Da oggi si trova dietro le sbarre del' Sant'Anna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento