Sorpreso a rubare una bici in centro, inseguito e arrestato un clandestino

Un cittadino ha scoperto il malvivente e ha avvisato una pattuglia della Volante che stava transitando in via Emilia. Il 30enne aveva già diversi precedenti e aveva ignorato un ordine di espulsione

La Polizia di Stato ha tratto in arresto un cittadino pakistano di 30 anni, accusato dei reati di tentato furto aggravato e porto ingiustificato di strumenti atti ad offendere. Nel primo pomeriggio di ieri, una pattuglia della Squadra Volante, mentre transitava in via Emilia Centro, è stata fermata all’altezza di via Farini da un uomo che aveva appena sorpreso lo straniero, il quale stava scappando proprio in quel momento in via San Carlo.

Gli agentisi sono posti immediatamente all’inseguimento dello straniero, tallonandolo senza mai perderlo di vista fino a via San Cristoforo, dove lo hanno definitamente fermato. Il pakistano impugnava ancora la tenaglia da carpentiere con la quale aveva tentato di forzare il lucchetto che assicurava la bicicletta alla rastrelliera.

Accompagnato in Questura, nel corso degli accertamenti sono emersi numerosi precedenti di Polizia a suo carico, in particolare per reati contro il patrimonio. Il malvivente, sedicente e clandestino, destinatario di un decreto di espulsione, è stato trattenuto presso le camere di sicurezza, come disposto dal Magistrato di turno, in attesa del processo con rito direttissimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Coronavirus, 2.533 nuovi positivi in regione. A Modena un nuovo picco

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Coronavirus, si conferma il calo in regione. Ma anche oggi 50 decessi

  • Coronavirus, curva in flessione per la prima volta. Modena ancora al vertice

  • Contagio a Modena, 573 nuovi casi e 7 decessi. Ricoveri stabili

Torna su
ModenaToday è in caricamento