Botte alla moglie, un 39enne in manette dopo anni di violenze

Un cittadino indiano è stato arrestato dai Carabineri a Cavezzo. In molte occasioni aveva picchiato la moglie connazionale, che l'altra notte è stata portata al Pronto Soccorso

Nella notte fra sabato e domenica scorsi i militari delle Stazioni Carabinieri di San Prospero e Cavezzo sono intervenuti presso l'abitazione cavezzese di una famiglia di origine indiane, dove si era consumata l'ennesiam lite violenta fra marito e moglie. Dopo un diverbio, infatti, l'uomo aveva colpito la consorte procurandole diverse contusioni, per altro incurante della presenza dei figli di 2 e 3 anni. I Carabinieri hannobloccato il 39enne, che è stato tratto in arresto per maltrattamenti in famiglia. Gli accertamenti, infatti, hanno permesso di ricostruire frequenti episodi violenti.

L'uomo,  ritenendo la moglie una  “nullafacente”, l'avrebbe più volte percossa, talvolta utilizzando soprammobili o stoviglie, accusandola di indolenza. Tre anni fa la 34enne era stata malmenata nonostante fosse incinta del primo figlio. L'altra sera la signora è stata accompagnata al pronto soccorso per essere meeicata e poi è stata dimessa con una prognosi di 6 giorni. 

La donna, spesso costretta a rifugiarsi a casa di alcuni parenti, ha prospettato l’intenzione di divorziare dall’uomo, sposato una decina di anni fa nell’ambito di un accordo tra le rispettive famiglie. Il 39enne si trova nel carcere di Modena in attesa della convalida dell'Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 2.533 nuovi positivi in regione. A Modena un nuovo picco

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Coronavirus, si conferma il calo in regione. Ma anche oggi 50 decessi

  • Rallentano contagio e ricoveri in provincia di Modena. 11 decessi

  • Covid. Contagi stabili in regione, ma record di decessi. Modena scende

  • Coronavirus, curva in flessione per la prima volta. Modena ancora al vertice

Torna su
ModenaToday è in caricamento