rotate-mobile
Mercoledì, 30 Novembre 2022
Cronaca Finale Emilia / Via Alessandro Volta

Pensionato morto in casa a Massa Finalese, due arresti per omicidio

L'accusa per i due ex compagni è quella di omicidio preterintenzionale. I due si trovavano a casa dell'anziano al momento dei fatti contestati

Svolta nel caso di indagine sulla morte di Rocco De Salvatore, il pensionato di Massa Finalese trovato morto nella serata di domenica 31 luglio, intorno alle 21.00, nel letto della propria abitazione di via Volta. Un caso complesso sul quale Procura e Arma dei Carabinieri sono impegnati da ormai oltre tre mesi, per fare luce sulle circostanze della morte, avvenuta senza apparenti cause traumatiche, ma in un contesto domestico dove erano presenti segni della presenza di altre due persone che potrebbero essere coinvolte nel decesso.

E proprio quelle due persone, una ex coppia legata da una relazione difficile, sono finite in arresto nelle scorse ore. I Carabinieri, infatti, hanno raggiunto la 37enne marocchina l'ex compagno 40enne, italiano. Lei si trova in carcere, lui ai domiciliari disponibile a collaborare. Sarebbero accusati di omicidio preterintenzionale, per motivi ancora tutti da chiarire.

Quanto è noto è il fatto che i due si trovassero nell'abitazione del pensionato nelle ore in cui è avvenuta la morte, anche se l'esatta collocazione temporale non è stata resa nota. I due avrebbero mangiato anche all'interno dell'appartamento, per poi allontanarsi con la macchina di De Salvatore, visti da alcuni vicini di casa.

Il 46enne era stato sentito poco dopo la scoperta del cadavere, mentre la donna era rimasta irreperibile per un paio di giorni, salvo poi presentarsi in caserma per deporre. In questi mesi erano stati sentiti come persone dei fatti e poi indagati con il sospetto che avessero commesso un furto nell'abitazione. Poi sono emersi nuovi elementi, che hanno portato la magistratura a richiedere le misure cautelari, con l'accusa di omicidio preterintenzionale. Una svolta che sarebbe dovuta in primo luogo ai risultati dell'esame autoptico sul corpo di De Salvatore: l'esame esterno non presentava lesioni tali da far pensare ad un fatto violento, ma le analisi più approfondite della Medicina Legale hanno avuto risvolti importanti, dovuti - si ipotizza al momento - all'assunzione di farmaci.

La terribile scoperta

Era stato il figlio di Salvatore, Stefano, a rinvenire il corpo del padre, dopo alcuni giorni di blackout nelle comunicazioni. Il figlio ha infatti spiegato che l'ultimo segno della presenza del padre, per quanto indiretto, risale a venerdì, con l'accesso registrato su Whatsapp, applicazione che il pensionato usava costantemente. In quella giornata sarebbe stato anche visto in paese, poi più nulla. Domenica le tapparelle dell'appartamento di via Volta in cui l'uomo viveva solo erano chiuse, mentre qualche ora dopo quella della cucina era stata parzialmente sollevata: il figlio, insospettito, ha controllato e trovato sotto lo zerbino di casa del padre le chiavi per accedere, insieme a quelle dell'auto.

All'interno dell'abitazione la tragica scoperta.Il corpo dell'anziano riverso sul letto, con evidenti lividi alle braccia e alle gambe. Tutto intorno uno scenario di devastazione: la testiera del letto rotta, ante degli armadi aperti, oggetti sparsi per terra. Sul pavimento anche il portafogli del 74enne, aperto, senza soldi nè carte. E all'appello mancava anche il telefono cellulare.

VIDEO | Omicidio di Massa Finalese. "Una persona tranquilla" le testimonianze di chi lo conosceva

Relazioni travagliate

La donna marocchina e la vittima si conoscevano e frequentavano da diverso tempo e avevano avuto trascorsi sentimentali. Una relazione controversa, appesantita da problemi di dipendenze della 37enne e dalla difficile convivenza con il 46enne, suo compagno. Fra i due una relazione burrascosa, costellata di liti e qualche episodio di violenza. Forse proprio per sfuggire al compagno, la donna aveva nuovamente cercato il conforto di De Salvatore e trascorreva diverso tempo in quell'appartamento. Non è noto come le relazioni fra i tre si fossero evolute negli ultimi tempi, ma i contatti restavano costantei. Fino alla tragedia.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pensionato morto in casa a Massa Finalese, due arresti per omicidio

ModenaToday è in caricamento