rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
Cronaca Castelfranco Emilia

Tenta di rapinare una donna, poi ostacola la circolazione e aggredisce un passante

E' accaduto a Castelfranco, dove i Carabinieri sono dovuti intervenire due volte nella stessa giornata per bloccare un 42enne sotto l'effetto di alcol e droga

Giornata nata male e finita peggio per un 42enne italiano,  già noto alle forze dell'ordine, che ieri ha commesso una serie di reati a Castelfranco Emilia, tenendo impegnati i Carabinieri a più riprese. Già nel corso della mattinata i militari della Tenenza sono dovuti intervenire su segnalazione di una donna, vittima di una tentata rapina all'interno di un'azienda dove l'uomo era entrato.

In quella circostanza il 42enne è stato individuato e accompagnato in caserma. Sentito il magistrato, i Carabinieri lo hanno rilasciato con una denuncia a piede libero.

Evidentemente però il provvedimento non è bastato a far scendere l'uomo a più miti consigli. Circa due ore più tardi  erano le 14.30 - sono giunte altre segnalazioni, che descrivevano l'uomo in stato di profonda alterazione che imperversava per le strade del paese. Un problema per l'incolumità delle persone e dei veicoli in transito, visto che il 42enne sta gettando sulla carreggiata transenne e cestini del pattume.

In più, l'uomo avrebbe anche aggredito un passante nel centro storico, procurandogli delle lesioni lievi. Il tutto sotto l'effetto di alcol e droga, come poi accertato. Gli uomini dell'Arma, giunti in piazzale Aldo Moro, hanno avuto il loro bel da fare per neutralizzare il cittadino, che è quindi stato tratto in arresto per resistenza a pubblico ufficiale, minacce e lesioni personali. Anche in caserma l'uomo ha continuato con le sue sfuriate: dopo la notte in cella è stato accompagnato in tribunale per l'udienza direttissima. Il giudice lo ha condannato all'obbligo di firma quotidiano

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tenta di rapinare una donna, poi ostacola la circolazione e aggredisce un passante

ModenaToday è in caricamento