rotate-mobile
Cronaca Zona Fiera / Via Emilia Ovest, 1244

Bar rapinato alla Bruciata, la Polizia incastra il colpevole

Un'indagine di tre mesi per risalire all'autore della rapina, che dopo aver perso al videopoker minacciò con un coltello la barista e scappò con l'incasso. Gli agenti hanno scoperto che si trovava già in carcere da un mese

Lo scorso 24 luglio il B Bar, lungo la via Emilia Ovest in località Bruciata, era stato teatro di una rapina. Un avventore, dopo aver perso molto denaro al videopoker, aveva chiesto soldi alla barista, per poi scavalcare il bancone e aggredirla con un coltello, intascarsi l'incasso di circa mille euro e darsi alla fuga. Pochi minuti dopo il colpo, la Polizia era già sul posto per aprire le indagini, visionando prima i filmati delle telecamere interne e poi raccogliendo prove. 

Gli uomini della Scientifica hanno rilevato le impronte digitali lasciate dal rapinatore su alcune bottiglie di birra consumate durante il gioco, mentre i colleghi della Squasrra Mobile hanno appurato che l'uomo aveva usato il proprio telefonino per chiamare la ditta che gestisce le slot (evidentemente per lamentarsi della perdita).

I tabulati telefonici hanno permesso di individuare il numero dal quale era partita la chiamata, ma gli investigatori hanno dovuto constatare che la sim di quel cellulare era intestata ad un ignaro prestanome. Sul telefono risultavano però frequenti chiamate ad uno stesso numer e gli agenti hanno deciso di verificare questa utenza, scoprendo che si trattava di una giovane donna residente a Serramazzoni.

Analizzando la banca dati interna alle forze dell'ordine, è emerso che quella ragazza era stata fermata per un comune controllo stradale in data 20 settembre, sempre a Modena Ovest, mentre era a bordo di un'auto con un uomo. E' stato così che è emerso per la prima volta il nome di Oscor Rashid, 32enne tunisino che proprio in quel controllo era stato arrestato perchè a bordo (con la ragazza) di un'auto rubata.

Al resto hanno pensato la verifica delle impronte digitali e il riconoscimento da parte dei testimoni della rapina: tutto è coinciso e agli agenti della Squadra Mobile non è rimasto che richiedere e ottenere dalla Procura l'arresto per il nordafricano. In questi giorni gli agenti hanno quindi notificato al rapinatore l'ordinanza di custodia cautelare, consegnandogliela dietro le sbarre del carcere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bar rapinato alla Bruciata, la Polizia incastra il colpevole

ModenaToday è in caricamento