Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca Via Alessandro Bernardi, 9/B

Rapina alla sala giochi "Macao", in manette uno dei due nomadi

I Carabinieri hanno arrestato uno dei due esecutori materiali del colpo avvenuto a Mirandola, per il quale era già stata messa un'ordinanza nei confonti del basista, l'addetto alla sicurezza del locale stesso

Alle prime luce dell’alba dell’8 marzo dell’anno scorso due criminali armati di pistola erano entrati nella sala slot “Macao” di Mirandola e avevano messo a segno una rapina impossessandosi dei circa 35mila euro che gli addetti contabili stavano conteggiando proprio in quei minuti. I carabinieri della Compagnia di Carpi avevano indagato in modo approfondito e il mese scorso avevano tratto in arresto l’addetto alla sicurezza del locale, il quale la notte della rapina, d’accordo con gli altri due, ne avrebbe agevolato l’ingresso, dapprima preavvertendoli e successivamente consentendogli di scappare indisturbati.

Le indagini avevano anche permesso di risalire all'identità dei due esecutori materiali del furto, due nomadi residenti in altrettanti campi della provincia di Reggio Emilia. Questa mattina i militari carpigiani hanno eseguito un’ordinanza di custodia in carcere nei confronti di uno dei due, un 27enne noto alle forze dell'ordine, che è stato rintracciato nel suo campo. Ancora a piede libero il secondo bandito.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina alla sala giochi "Macao", in manette uno dei due nomadi

ModenaToday è in caricamento