menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anziana rapinata di un prezioso orologio, rintracciati i due malviventi

La Polizia di Bologna ha fermato i due presunti colpevoli di una rapina avvenuta a Formigine lo scorso anno. Ora si trovano in carcere

Il 29 maggio 2020 intorno alle ore 11.25, a Formigine, una signora di 87 anni del posto aveva denunciato ai carabinieri di essere stata vittima di una rapina. Mentre camminava verso casa, a poca distanza dall'abitazione era stata raggiunta da una donna che, con la scusa di un’informazione, dopo avergli afferrato la mano per ringraziarla era riuscita a strappargli  la cosiddetta tecnica dal polso un prezioso orologio dal valore di 10.000 euro. L'anziana aveva fatto in tempo a vedere la ladra fuggire a bordo di un'auto, condotta da un complice, ma non aveva saputo fornire molti dettagli sui veicoli ai militari dell'Arma.

Le indagini dei carabinieri hanno portato dopo alcuni mesi ad identificare i presunti malviventi, una donna rumena e un uom spagnolo, entrambi in Italia senza fissa dimora. I due erano stati denunciati per rapina in concorso, ma non era mai stato possibile rintracciarli. Almeno fino a ieri.

Nella giornata di ieri, infatti, gli agenti della Squadra Mobile della Polizia di Bologna hanno fermato la coppia durante un servizio e nel controllo è emerso che a carico di entrambi pendeva l’ordine di esecuzione di misura cautelare. La questura di Bologna ha quindi avvisato i carabinieri di Formigine che avevano in carico l’ordine di esecuzione della misura cautelare personale e i militari formiginesi si sono recati a Bologna per eseguire la misura e trasferire i due presso il carcere della Dozza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ufficiale, l'Emilia-Romagna torna in zona arancione da lunedì

Attualità

Zona arancione, cosa cambia da lunedì 12 aprile a Modena

Attualità

Focolaio covid all'Ospedale di Sassuolo, positivi 15 pazienti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento