rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca Crocetta / Via Fabio Filzi

Morì per overdose durante la Notte Bianca, preso lo spacciatore

I Carabinieri hanno individuato e arrestato il pusher che fornì il cocktail letale di droghe al 42enne italiano che morì lo scorso 17 maggio in un piazzale lungo via Filzi

I Carabinieri della Compagnia di Modena, nell’ambito di un’articolata indagine scaturita dalla morte per overdose accaduto nella notte tra il 17 e il 18 maggio scorso, hanno tratto in arresto il 30enne R.A., nigeriano, domiciliato a Modena, irregolare, pregiudicato per un precedente in materia di droga, che è ora accusato dei reati di “morte come conseguenza di altro delitto” e “spaccio di sostanze stupefacenti continuato”. Le attività investigative, condotte dai militari dell’Arma e coordinate dalla Procura della Repubblica di Modena, hanno preso le mosse dalla morte di G.S., 42enne italiano, originario del modenese e poi trasferitosi a Mantova, deceduto in un piazzale di via Finzi, verso la mezzanotte di sabato 17 maggio dopo l’assunzione di stupefacenti.

Nonostante la tempestività dei soccorsi del 118, l’uomo è deceduto sul posto, dove sono intervenuti anche i Carabinieri di Modena. Nel corso del sopralluogo tecnico, i militari dell’Arma hanno rinvenuto tracce di un’iniezione e residui sia di cocaina che di eroina. In effetti è poi risultato che l’uomo si era iniettato un mix di ambedue le sostanze: pratica altamente pericolosa, ma che purtroppo non costituisce un caso isolato.

Procedendo con gli accertamenti, gli inquirenti sono via via risaliti all’identità di colui che aveva ceduto le due dosi di cocaina ed eroina, appurando che questi fosse abitualmente dedito allo spaccio al dettaglio, prevalentemente ad una cerchia di “clienti” fidelizzati, con cui fissava appuntamenti in diversi luoghi del centro storico, appositamente diversificati per ostacolare eventuali interventi delle forze dell'ordine. Nel caso specifico il pusher ha effettuato la cessione in piazza Roma.

Nel corso delle indagini diversi altri tossicodipendenti “clienti” di R.A. sono stati individuati e pertanto segnalati alla prefettura di Modena, per l’adozione dei provvedimenti amministrativi del caso. Infine, raccolti tutti gli indizi necessari i Carabinieri hanno fermato l’indiziato, con procedura d’urgenza, giustificata dalla gravità dell’episodio e dal pericolo di fuga correlato alla irregolarità del soggetto. Infatti, avendo recentemente avuto un diniego all’istanza di permesso di soggiorno, il 30enne nigeriano stava valutando la possibilità di rimpatriare e di ricongiungersi alla propria famiglia. Questa mattina il G.I.P. di Modena, esaminato il caso, ha convalidato il fermo e disposto che l’indiziato rimanga in carcere in regime di custodia cautelare.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morì per overdose durante la Notte Bianca, preso lo spacciatore

ModenaToday è in caricamento