rotate-mobile
Cronaca Area di servizio Secchia Ovest

Un telecomando per aprire le auto in sosta, furti a raffica nelle aree di servizio

Arrestato un ladro che utilizzava il sistema tecnologico per ripulire la automobili ferme lungo l'Autosole. Operazione della Polizia Stradale che lo ha seguito e ammanettato in flagrante. Denunciata una complice

Un professionista del crimine è finito in manette per opera della Sottosezione di Modena Nord della Polizia Stradale, dopo una serie di colpi messi a segno nelle aree di servizio dell'Autosole nella giornata di ieri. Il metodo è quello ormai noto ma pur sempre efficace, che permette di inibire la chiusura centralizzata della auto grazie ad uno speciale telecomando. A finire in manette questa volta è stato un napoletano pluripregiudicato classe '81, mentre è stata denunciata a piede libero una sua complice, una cittadina rumena di 29 anni.

Le prime segnalazioni sono partite dalle stazioni di servizio dell'A1 intorno a Parma, dove la sezione locale della Polstrada ha incominciato a seguire i sospettati, uomo e donna, che viaggiavano su due diverse automobili fermandosi nelle diverse Aree di servizio. Mentre lei perlustrava il parcheggio e dava indicazioni utili scegliendo le auto potenzialmente più interessanti, era l'uomo l'esecutore materiale dei furti. Ma giunti nel modenese hanno trovato gli agenti della Stradale in borghesi ad attenderli.

L'OPERAZIONE – Poco prima delle ore 13 il malvivente ha preso di mira un'Audi A4, utilizzando il telecomando per impedire la chiusura delle portiere, mentre il proprietario entrava nell'Autogrill senza avvedersene. Così ha potuto aprire la portiera posteriore, abbassare il sedile, accedere al vano bagagliaio e rubare un trolley. Con noncuranza si è poi diretto verso la sua auto, ma prima di potervi salire è stato raggiunto dagli agenti e immobilizzato. Per lui arresto in flagranza di reato, con l'accusa di furto aggravato e possesso di arnesi da scasso, reati che lo avevano già visto condannato in passato. Poco dopo, all'uscita del casello di Modena Nord, gli agenti hanno bloccato anche la Fiat Grande Punto su cui viaggiava la complice, che si era allontanata dall'area di Servizio prima che il furto venisse consumato nascondendo in tasca un telecomando analogo a quello usato dal ladro. Pertanto è stata denunciata a piede libero.

IL VIDEO DELL'OPERAZIONE

LA REFURTIVA – Il trolley rubato conteneva un pc, un tablete e uno smartphone oltre a una penna di grande valore ed è stato immediatamente restituito al legittimo proprietario, rintracciato con l'interfono. Ma nella vettura del malvivente, una Renault Megan station wagon di colore grigio scuro, gli agenti della Stradale hanno rinvenuto un'ingente refurtiva, occultata in maniera ingegnosa. Nello schienale dei sedili posteriori era infatti stato ricavato un vano nascosto, una sorta di doppio fondo perfettamente mimetizzato, dove erano nascosti gli oggetti rubati nei colpi precedenti. Tre computer portatili, tre tablet, uno smartphone, due hard disk esterni e monili di vario tipo, per un valore complessivo di circa 15mila euro.

Operazione PolStrada - Area Servizio Secchia Ovest 06/08/2014

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un telecomando per aprire le auto in sosta, furti a raffica nelle aree di servizio

ModenaToday è in caricamento