Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Atti sessuali a pagamento con minori, 38enne di Vignola in carcere

Il vignolese è accusato di aver coinvolto diversi minorenni della zona in un a serie di prestazioni sessuali, che avvenivano dietro pagamento di denaro, droga o regali vari. Le indagini della Guardia di Finanza

Nelle prime ore della mattinata odierna, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza Modena hanno dato esecuzione ad una Ordinanza di custodia cautelare che ha portato in carcere un uomo di 38 anni , residente a Vignola, accusato di intrattenere atti sessuali con ragazzi minorenni in cambio di denaro, sostanze stupefacenti e altri regali. Insieme a lui, con l’accusa di spaccio di sostanze stupefacenti, sono stati sottoposti alla misura dell’obbligo di dimora un italiano ed un marocchino, entrambi maggiorenni, che rifornivano il trentottenne di cocaina e marijuana distribuita e consumata, tra l’altro, tra i ragazzini adescati.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bologna e dirette dal Sostituto Procuratore - dr.ssa Manuela Cavallo - sono state avviate a seguito di alcune denunce presentate presso la Tenenza della Guardia di Finanza di Vignola da parte di alcuni genitori che avevano notato il comportamento anomalo dei propri figli minori. Tutti segnalavano come, negli ultimi tempi, il tenore di vita dei ragazzi fosse particolarmente elevato rispetto agli standard, con sfoggio di abiti firmati e strumenti tecnologici di cui le famiglie ignoravano l’origine.

Il sospetto, che avrebbe poi trovato riscontro nel corso delle indagini, era quello che i loro figli potessero essere indotti da un loro conoscente a subire atti di natura sessuale in cambio di soldi, droga o altre utilità.

Gli accertamenti delle Fiamme Gialle hanno consentito di individuare a carico del sospettato una serie di anomale operazioni finanziarie: vari versamenti su diverse carte prepagate per modeste somme, ma ripetute nel tempo, per importi complessivi di alcune centinaia di migliaia di euro. Inoltre, sono state accertater frequntazioni abitudinarie della sua abitazione.

Le indagini che ne sono seguite avrebbero permesso di confermare i sospetti avanzati dai genitori, sia con riguardo all’attività di spaccio e consumo di sostanze stupefacenti, sia con riferimento al compimento di atti di natura sessuale.

All’esito delle indagini, il GIP del Tribunale di Bologna - dr.ssa Roberta Dioguardi - accogliendo le richieste avanzate dal PM inquirente emetteva l’ordinanza applicativa di misura cautelare personale nei confronti dei 3 indagati eseguita stamani dalle Fiamme Gialle vignolesi con l’accompagnamento del 38enne presso il carcere di Modena

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Atti sessuali a pagamento con minori, 38enne di Vignola in carcere

ModenaToday è in caricamento