rotate-mobile
Cronaca

Centri urbani, strade e treni: controlli rafforzati sul fronte della sicurezza a Ferragosto

Questa settimana oltre 1900 persone controllate, 40 denunciati e 6 arresti. Nei prossimi giorni molti controlli con i rinforzi da fuori provincia

Ferragosto significa tanti spostamenti, brevi o lunghi, città più vuote e abitudini diverse dal solito. Tutti elementi che se da un lato sono sinonimo di "meritate vacanze", dall'altro implicano rischi peculiari per la sicurezza. In attuazione di quanto deliberato in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, perciò, da inizio settimana sono state potenziate le misure di controllo del territorio. I servizi proseguiranno secondo il piano di sicurezza disposto dal Questore di Modena, che vedrà schierate ulteriori aliquote di unità operative a potenziamento del dispositivo di prevenzione e vigilanza in atto. Si tratta di rinforzi del Reparto Prevenzione Crimine assegnati dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza per più giorni a settimana e nei quadranti maggiormente critici. 

Massima attenzione alle truffe e all'assistenza alle fasce deboli, in particolare gli anziani, che in questo periodo vacanziero tendono a rimanere più soli; ai reati predatori e ai furti in appartamento, fenomeno quest’ultimo agevolato dal fatto che la città in estate si svuota: al riguardo si consiglia ai cittadini di segnalare immediatamente al 112 rumori sospetti, provenienti da abitazioni limitrofe, soprattutto, quando si è a conoscenza che il vicino non si trova a casa.  

A Modena i servizi saranno effettuati anche con pattugliamenti appiedati e frequenti passaggi ad ampio raggio nei quartieri residenziali, in centro storico, in zona Gramsci, Tempio e Novi Sad. Controlli intensificati anche nelle zone della movida, ove sono concentrati gli esercizi pubblici e commerciali e dove maggiore è l’affluenza di frequentatori per svago e divertimento e dei tanti turisti, al fine permettere a chi è in città la fruizione, in sicurezza, dei luoghi di aggregazione.

Già una settimana di attività intensa

Da lunedì ad oggi, a cura di tutte le articolazioni Polizia di Stato della provincia sono state complessivamente identificate 1986 persone, di cui 610 cittadini stranieri e controllati 647 veicoli, anche con la predisposizione di posti di controllo ad hoc lungo le principali arterie stradali. Elevate 219 contravvenzioni al Codice della Strada. 40 le persone denunciate a vario titolo. 6 arresti per tentata rapina, tentato furto aggravato, spaccio ed in esecuzione di ordine di carcerazione. La locale Divisione Anticrimine, all’esito dell’istruttoria, ha emesso 8 avvisi orali e un foglio di via obbligatorio, mentre l’Ufficio Immigrazione, vagliate le singole posizioni, ha istruito le pratiche per 7 provvedimenti prefettizi di espulsione dal Territorio Nazionale, di cui 2 stranieri accompagnati - su trattenimento del Questore - al CPR.

Autostrade e ferrovie

Sul fronte della sicurezza stradale sarà ampliato il dispositivo che garantirà la presenza sulle principali arterie stradali ed autostradali in ambito provinciale, interessate dall’esodo ferragostano. Oltre ai controlli sul rispetto dei limiti di velocità, le pattuglie della Polizia Stradale presteranno particolare attenzione alla verifica della soglia di alcool o dell’abuso di sostanze stupefacenti da parte degli automobilisti con servizi mirati al controllo delle condizioni psicofisiche dei conducenti. Rafforzata anche la vigilanza presso le aree di servizio.

La Polizia Ferroviaria, parimenti, ha incrementato i servizi dedicati volti a prevenire furti e raggiri nei luoghi più affollati, con pattuglie in stazione e a bordo treno. I controlli saranno mirati anche alla prevenzione dei comportamenti illeciti e al rispetto delle regole in ambito ferroviario al fine di evitare incidenti alle persone. 

Nel suddetto piano di sicurezza si inseriscono i potenziati controlli straordinari del territorio, dove le pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine della Polizia di Stato, provenienti da Bologna e Reggio Emilia, operano nell’ambito di un articolato dispositivo, talvolta interforze, diretto da un Funzionario della Questura ed orientato di volta in volta ad obiettivi e aree diverse, in ragione delle evidenze di ufficio e degli esposti/segnalazioni della cittadinanza. Di ieri sera, l’ultimo servizio straordinario “Alto Impatto”, protrattosi fino a notte inoltrata, che ha interessato principalmente le zone Novi Sad, Tempio e centro storico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centri urbani, strade e treni: controlli rafforzati sul fronte della sicurezza a Ferragosto

ModenaToday è in caricamento