Piazza XX settembre: vetri, pietra e gres per i nuovi bagni pubblici

Niente barriere visive grazie alle trasparenze della struttura leggera esterna. Fasciatoi e servizi specifici per bimbi, oltre che per disabili. Restaurata la fontana del putto con l’oca

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ModenaToday

Si rifà a quelle in ferro e vetro tipiche per strutture pubbliche, di cui anche il mercato coperto di via Albinelli è un esempio, la struttura esterna dei nuovi bagni di piazza XX settembre, a disposizione dei modenesi e dei turisti a partire dalla festa di venerdì 16 maggio dalle 20 alle 24. La nuova struttura vetrata, disponendosi longitudinalmente rispetto all'andamento della piazza, non costituisce una barriera visiva né da piazza Grande né da via Albinelli, e consente la visione delle attività poste sui due lati, quello dell’ingresso al mercato Albinelli e quello opposto. La parte emergente è leggera e delle dimensioni minime necessarie per coprire l'ascensore e la scala che serve per scendere al piano interrato dove sono presenti i bagni. Questi sono stati progettati rifacendosi ai bagni pubblici che all'inizio del secolo costituivano un vero e proprio servizio igienico - sanitario per la città, e oggi costituiscono una struttura importante anche per i turisti. Sono pavimentati e rivestiti in pietra e gres porcellanato, anche per resistere all'usura dell'afflusso senza perdere nel tempo il decoro necessario a questo tipo di strutture.

Ai servizi per uomini, donne e disabili, è stato aggiunto un locale dedicato esclusivamente ai bambini. C’è, inoltre, uno spazio fasciatoio per le mamme con bimbi piccoli, e anche nel bagno per disabili è stato inserito un fasciatoio. I servizi igienici di piazza XX settembre sono presidiati e puliti da personale della cooperativa sociale Aliante che ne ha in affido la gestione. L’orario estivo (dal 1 maggio al 30 settembre) prevede l’apertura da lunedì a sabato dalle 8 alle 20 e domenica e festivi dalle 9.30 alle 20. L’orario si estende in occasione degli appuntamenti serali come la festa del 16 maggio e la notte bianca di “Nessun dorma”. In una prima fase, fino alla fine di maggio, l’utilizzo dei nuovi servizi sarà gratuito.

Nell'ambito della riqualificazione della piazza è stata restaurata anche la fontana del “putto con l'oca”: la statua è una copia della scultura in bronzo del 1934 dello scultore Giuseppe Graziosi (l’originale è a Palazzo dei Musei). I nuovi bagni di piazza XX settembre sono stati progettati da Sglab (per la parte strutturale) e da Betarchitetti (per la parte architettonica), studi che avevano vinto il concorso indetto dall'assessorato all'Urbanistica del Comune di Modena

I lavori sono stati seguiti dal Settore lavori pubblici del Comune con il parere favorevole delle soprintendenze competenti e con il cofinanziamento della Regione Emilia-Romagna nell'ambito del progetto di riqualificazione dell'intera piazza coordinato dal Settore Interventi economici (il costo dell'intera riqualificazione cofinanziata, compresa la rimozione dei vecchi chioschi, è stato di circa 400 mila euro).

Torna su
ModenaToday è in caricamento