rotate-mobile
Cronaca

C'era una volta il lavoro del benzinaio, 5 stazioni chiuse in un semestre

Franco Giberti, presidente di FAIB-Confesercenti Modena ha denunciato la chiusura di 5 stazioni di benzina a Modena e altre 10 in erogazione sospesa, commentando: "bisogna contrastare le esose commissioni applicate dal sistema bancario"

C’era una volta il mestiere del benzinaio: è questo quello che racconteremo tra non poco tempo se non ci sarà alcuna inversione di tendenza per la categoria” così ha commentato Franco Giberti, presidente di FAIB-Confesercenti Modena, di fronte alla situazione vissuta dal settore delle piccole imprese di distribuzione carburanti sul territorio emersa dal monitoraggio condotto dall’Osservatorio di Confesercenti: 5 le stazioni di servizio chiuse nei primi sei mesi dell’anno, di cui 2 solo a Modena, alle quali se ne aggiungono ben altre 10 in cui l’erogazione è sospesa. “Tutto questo nell’indifferenza e nella sostanziale inerzia della politica e delle Istituzioni nazionali che si limitano ad occuparsi di benzina solo per aumentarne sistematicamente le accise – rimarca Giberti - il mercato della distribuzione carburanti continua ad essere bloccato dall’assenza di trasparenza e da una sempre e più frequente violazione delle leggi vigenti”.
 
Le compagnie petrolifere, fa notare il presidente dell’Associazione modenese, continuano ad imporre ai gestori prezzi fuori mercato e molto più alti di quelli praticati da un ristretto numero di impianti: i cosiddetti “no logo” o quelli posti in prossimità degli ipermercati che pure vengono riforniti dalle medesime compagnie. “Un comportamento che di corretto ha ben poco, in aperta violazione delle norme e che danneggia le piccole imprese di gestione, spingendole così verso chiusura e perdita dell’attività, con la creazione di nuovi disoccupati”, aggiunge il presidente di FAIB Modena. 

“La categoria è allo stremo - rimarca Giberti – e ha urgente necessità di risposte e di interventi al fine di evitarne il collasso. Riteniamo occorra: rifinanziare il Fondo Indennizzi, senza il contributo dei gestori; riaprire i tavoli negoziali per il rinnovo degli accordi; definire nuove formule contrattuali per far fronte alle nuove modalità di vendita; una vera ristrutturazione della rete contro la ghostizzazione selvaggia a tutela del posto di lavoro e del servizio offerto ai clienti. E poi ancora il margine definito negli accordi di colore deve essere intangibile, le condizioni di mercato eque e non discriminatorie e contrastare le esose commissioni applicate dal sistema bancario sui pagamenti effettuati mediante carte di credito o bancomat. Da ultimo ma non meno importante consentire l’immediato abbattimento dei prezzi dei carburanti su tutta la rete, anche attraverso il necessario rapido e serrato confronto nel settore e soprattutto con Governo e Parlamento”. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

C'era una volta il lavoro del benzinaio, 5 stazioni chiuse in un semestre

ModenaToday è in caricamento