rotate-mobile
Cronaca Sant'Agostino / Largo Porta Sant'Agostino

Biblioteca Estense al nuovo Sant'Agostino, un esempio per vincere la crisi

Il direttore della Biblioteca Estense Universitaria esprime tutta la sua fiducia nel nuovo Polo Bibliotecario che sorgerà nell'ex Sant'Agostino: "Potrebbe diventare un modello nazionale"

Se le biblioteche comunali fanno segnare numeri positivi e suggeriscono che la lettura non è poi del tutto dimenticata, gli storici archivi statali piangono invece miseria. l numero dei lettori annui delle biblioteche MiBAC, di poco inferiore ai 2 milioni e mezzo nel 1996, è sceso lo scorso anno a meno di un milione e mezzo, con una contrazione vicina al 40 per cento. Parallelamente, in 10 anni, la disponibilità economica delle 46 biblioteche statali è scesa dai circa 48 milioni di euro del 2003 ai 21 dello scorso anno, con una riduzione di circa il 60 per cento. Gli organici sono passati dagli oltre 3 mila addetti (di cui circa mille bibliotecari) del 1994 ai meno di 2 mila, un quarto dei quali bibliotecari, del 2011, mentre nello stesso periodo i funzionari assunti in tutta Italia sono stati 21.

“Sono numeri spietati” - commenta Luca Bellingeri, direttore della Biblioteca Estense Universitaria di Modena - “che testimoniano la situazione drammatica in cui versano le biblioteche statali del nostro Paese. Il rischio – aggiunge Bellingeri – è che in queste condizioni il declino delle biblioteche sia irreversibile e secoli di storia e di cultura vadano irrimediabilmente perduti”.

Il direttore della Biblioteca Estense, che ieri pomeriggio ha aperto al Sant’Agostino la conferenza di Luciano Canfora sulle biblioteche storiche, non si limita a lanciare l’allarme. Esiste – a suo giudizio – la possibilità di dare una risposta a quella che lui chiama la “crisi economica e di identità” delle biblioteche statali. L’esempio viene proprio da Modena dove la Fondazione Cassa di Risparmio ha finanziato il progetto di riqualificazione dell’ex Ospedale Sant’Agostino che prevede il trasferimento della Biblioteca Estense, assieme alla Biblioteca comunale Poletti, nel nuovo Polo della Cultura.

“Il trasferimento della nostra biblioteca in un edificio antico ristrutturato – sostiene Bellingeri – reso possibile dall’intervento della Fondazione potrebbe diventare un modello per tutte le biblioteche statali. Con il trasferimento nel nuovo Polo bibliotecario del Sant’Agostino, evento forse unico per una biblioteca storica, la Biblioteca Estense potrà usufruire di ampi spazi e di tecnologie all’avanguardia. Questo consentirà una nuova distribuzione del materiale librario di più frequente consultazione con decine di migliaia di volumi collocati a scaffale aperto, a diretta disposizione del pubblico; un significativo aggiornamento e completamento delle collezioni, attraverso una specifica campagna di acquisti; infine – conclude Bellingeri – un’adeguata valorizzazione del materiale più prezioso e degli arredi storici, grazie all’allestimento di ambienti ad essi appositamente destinati”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Biblioteca Estense al nuovo Sant'Agostino, un esempio per vincere la crisi

ModenaToday è in caricamento