rotate-mobile
Cronaca

Clandestini nei boschi e negli stabili abbandonati, blitz della Polizia

Squadra Volante e Municipale hanno condotto diverse azioni per rintracciare stranieri clandestini: smantellato un "villaggio" in un boschetto lungo via Giardini ed identificati altri irregolari in via Albareto e via Emilia Ovest

Nella mattinata di ieri è scattata un'operazione congiunta degli agenti della Squadra Volante, unitamente a uomini della Polizia Municipale di Modena: un controllo straordinario di terreni e immobili segnalati in quanto occupati abusivamente. In totale sono state identificate 10 persone.

Il primo blitz in un bosco situato lungo via Giardini, in prossimità dello svincolo della Complanare, già noto per essere rifugio di accattoni e senzatetto. Qui sono state rintracciate quattro donne e un uomo di nazionalità romena, già noti alle Forze dell’Ordine per essere dediti all’accattonaggio e alla prostituzione, che si erano accampati con due diverse tende. Questi soggetti sono stati denunciati in stato di libertà per invasione di terreni. Due delle donne sono risultate destinatarie di un decreto di allontanamento per motivi di sicurezza pubblica, emesso dal Prefetto di Modena. Le due romene, pertanto, al termine degli accertamenti di rito, sono state trattenute e condotte presso il C.I.E. di Torino per essere rimpatriate.

Successivamente, è stato controllato un immobile dichiarato inagibile di via Albareto, all’interno del quale sono stati rintracciati due marocchini clandestini, gravati da precedenti per spaccio di sostanze stupefacenti e per reati contro il patrimonio. I due in questione sono stati denunciati in stato di libertà per inosservanza delle norme sugli stranieri ed espulsi dal territorio nazionale con intimazione ad allontanarsi dall’Italia volontariamente entro 7 giorni.

Infine è stato sottoposto a verifiche uno stabile ad uso industriale di via Emilia Ovest, all’interno del quale sono stati identificati quattro cittadini tunisini clandestini, ugualmente noti per la loro attività criminali legate allo spaccio di droga e reati minori. I tunisini sono stati deferiti in stato di libertà per inosservanza delle norme sugli stranieri e messi a disposizione dell’Ufficio Immigrazione per le formalità relative alla loro espulsione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Clandestini nei boschi e negli stabili abbandonati, blitz della Polizia

ModenaToday è in caricamento