Troppo smog, deciso il blocco totale della circolazione in città

Ordinanza del sindaco per bloccare tutti i veicoli in concomitanza con la domenica ecologica già programmata il 5 febbraio. E sabato 4 febbraio divieto per i più inquinanti, compresi Euro 2 benzina ed Euro 4 diesel. Giù anche i termosifoni

La domenica ecologica già prevista per il 5 febbraio, a Modena diventa domenica senz’auto, con il blocco della circolazione di tutti i veicoli nell’area della manovra dalle 8.30 alle 18.30. Lo prevede l’ordinanza del sindaco che, a causa dei livelli troppo alti di smog raggiunti in questi giorni, in particolare per i valori delle PM10 registrati in città e un po’ in tutta la regione, definisce una serie di interventi ulteriori rispetto ai provvedimenti straordinari indicati dalla manovra antinquinamento della Regione Emilia Romagna.

Oltre a confermare per sabato 4 febbraio le limitazioni alla circolazione per i veicoli più inquinanti già previste dal lunedì al venerdì, infatti, l’ordinanza blocca già sabato anche gli Euro 2 benzina, gli Euro 4 diesel, i motocicli e i ciclomotori Euro1  (che si aggiungono quindi agli Euro 0 ed Euro 1 benzina; ai veicoli diesel Euro 0, Euro 1, Euro 2 ed Euro 3, anche se dotati di filtro antiparticolato; ai ciclomotori e ai motocicli pre Euro), per poi estendere domenica il divieto di circolazione a tutti i veicoli, salvo le deroghe previste in questi casi (consultabili sul sito www.comune.modena.it).

L’area interessata al divieto è quella compresa all’interno delle tangenziali nord Pirandello, Carducci e Pasternak, via Nuova Estense, strada Bellaria, strada Contrada, via Giardini, complanare Einaudi, strada Modena-Sassuolo, tangenziale Mistral. Sarà comunque possibile per tutti i veicoli entrare in città per raggiungere i 27 parcheggi scambiatori situati all’interno del centro abitato.

A integrazione della manovra antinquinamento della Regione, inoltre, l’ordinanza del sindaco prevede che da sabato 4 a martedì 7 febbraio nel territorio comunale la temperatura degli ambienti di vita riscaldati non superi i 19 gradi nelle case, negli uffici, nei luoghi per le attività ricreative associative o di culto e nelle attività commerciali e sportive; sia al massimo di 17 gradi nei luoghi che ospitano attività industriali e artigianali; sia ridotta di due ore la durata massima giornaliera di attivazione degli impianti di riscaldamento in tutti gli edifici pubblici e privati. Sono esclusi della limitazioni gli ospedali e le case di cure.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inoltre in tutto il territorio comunale sono vietati l’utilizzo del riscaldamento a biomasse (come legna, pellet e cippato), dove disponibile un’altra forma di riscaldamento, e viene confermato il divieto per le operazioni di bruciatura di sterpaglie, residui di potatura, simili e scarti vegetali di origine agricola.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Modena usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro sulla Tangenziale di Vignola, deceduta una automobilista

  • Coop Alleanza 3.0, la Cgil conferma lo stato di agitazione dopo le denunce dei dipendenti

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Coronavirus, stranieri positivi rientrati in Italia e isolati. Salgono di 51 i casi in regione

  • Nubifragio e allagamenti, disagi lungo la Pedemontana per gli smottamenti

  • Malore durante il bagno, turista modenese perde la vita a Rimini

Torna su
ModenaToday è in caricamento