Bomba davanti la Lega, tre candelotti che avrebbero potuto causare una strage

Stando ai primi esami condotti dalla polizia di stato, pare che l'involucro rinvenuto in viale Caduti in Guerra racchiudesse tre candelotti di materiale esplodente da cui fuoriusciva un filo elettrico. Indignazione e preoccupazione da politica e istituzioni

Viale Caduti in Guerra

Avrebbe potuto causare danni seri l'ordigno rudimentale piazzato nella serata di ieri davanti la sede provinciale della Lega Nord di Modena. Stando ai primi esami condotti dalla polizia di stato, pare che l'involucro rinvenuto in viale Caduti in Guerra racchiudesse tre candelotti di materiale esplodente da cui fuoriusciva un filo elettrico. Fortunatamente, l'intervento degli artificieri ha evitato conseguenze tragiche per i militanti del Carroccio e per i residenti. Gli investigatori si sono messi alla ricerca di eventuali filmati ottenuti dagli impianti di videosorveglianza posti nelle vicinanze, nella speranza di individuare la persona che ha abbandonato l'ordigno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'episodio ha causato vibranti reazioni di sdegno da parte delle istituzioni e dai partiti. I segretari Pd Lucia Bursi e Andrea Sirotti hanno espresso solidarietà alla Lega Nord ribadendo che "la dialettica politica può assumere a tratti anche toni accesi, ma non deve mai valicare il confine del confronto sulle idee. Ci auguriamo che venga fatta, al più presto, piena luce su quanto accaduto". Allo stesso modo, anche il Sindaco di Modena Giorgio Pighi ha esortato a tenere la guardia alta contro attacchi di questo tipo: il primo cittadino, inoltre, ha chiamato il prefetto Michele di Bari prendendo accordi per seguire l’evoluzione della vicenda rimanendo in stretto contatto e per fare il punto della situazione già mercoledì prossimo in occasione di un incontro del Comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza appositamente convocato. Preoccupazione, insieme alla solidarietà per la minaccia ricevuta, è stata espressa da Pighi anche in due telefonate al capogruppo della Lega nord in Consiglio comunale Fabrizio Cavani e al segretario cittadino Stefano Bellei. Parole di vicinanza per la Lega sono state espresse anche da Luca Ghelfi, consigliere provinciale per il Nuovo Centrodestra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 71 nuovi positivi, di cui 48 asintomatici. A Modena focolaio in un prosciuttificio

  • Covid. Altri 18 contagiati nel focolaio del salumificio di Castelnuovo

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Frontale nelle campagne di Soliera, muore un ragazzo di 20 anni

  • Contagio, 7 casi nel modenese. Uno è in ospedale

  • Forno rumoroso in centro storico, sequestrati i locali per la produzione

Torna su
ModenaToday è in caricamento